Giro d’Italia, le pagelle: Dainese nemmeno a casa sua, Milan è nero e i padovani da 10

La volata di Padova in cui ha vinto Tim Merlier su Milan e Groves (Photo Credits: LaPresse)

Si sta tante ore a vedere una tappa in cui non accade apparentemente nulla, solo per scoprire nei 20 secondi finali chi vince. Ma non è strano? Cioè, le lancette dell’orologio compiono più giri completi e noi siamo ancora lì davanti alla televisione senza annoiarci. Perché i commentatori sono bravi e dicono cose interessanti, certo. Ma soprattutto perché l’adrenalina dello sprint non ci permette di staccarci dello schermo. Ancora più assurdo chi va a vedere l’arrivo di una volata, magari con la speranza di intercettare i corridori ai bus, ma sicuramente con la voglia di provare emozioni forti, anche per 20 secondi dopo aver atteso 5 ore

...............

Ami il ciclismo? Vuoi leggere questo articolo e tutti i contenuti esclusivi di quibicisport.it? Aderisci alle offerte EXTRA di Bicisport cliccando qui.

Se sei gia abbonato clicca qui per accedere