Giro d’Italia, Consonni: «Non ho alcuna ambizione personale se non quella di aiutare Milan»

Consonni
Simone Consonni, Lidl-Trek, è l'ultimo uomo di Milan per le volate
Tempo di lettura: 2 minuti

Simone Consonni è l’uomo di fiducia di Milan. «Se tutto va come deve sì, sono io il suo ultimo uomo». La prima tappa del Giro d’Italia non rientrava nemmeno lontanamente nei piani della Lidl-Trek: troppo dura per un velocista come quello alto di Buja. Veramente troppo dura per puntare a qualcosa di simile a un bel risultato.

«Dopo la prima frazione, obiettivamente troppo dura per puntare alla maglia rosa, abbiamo affrontato due tappe di transizione comunque non facili».

La terza, quella di oggi, fa decisamente per Milan.

«Sì, è un arrivo bello che siamo anche andati a provare. Anche nei traguardi volanti però dobbiamo stare attenti: mai come quest’anno ci sono squadre prontissime a disputare delle volate per bene. Cercheremo di farci trovare pronti».

Quindi punterete già da oggi ai traguardi volanti per la maglia ciclamino?

«Vediamo come si metterà la corsa, se ci sarà una fuga o quant’altro. L’obiettivo è sicuramente l’arrivo finale».

Sarai tu l’ultimo uomo?

«Sì, abbiamo iniziato a pensare a questo assetto già alla Volta Valenciana e poi alla Tirreno-Adriatico. Ci fidiamo soprattutto di Theuns che si trova davanti a me: è bravissimo nel suo compito quindi siamo in buone mani».

Le vostre caratteristiche da pistard quanto aiutano in una volata?

«Sicuramente aiutano perché lavorare tanto in pista ci dà il feeling della velocità. Ma non è tutto, in particolare qui al Giro dove il livello è alto».

Anche tu sei un ottimo velocista. In questa corsa ci saranno occasioni in cui la punta per gli sprint sarai tu?

«No perché Milan ha dimostrato di avere un livello veramente alto. Io sono qui con un compito preciso: portarlo fino a 150 o 200 metri dall’arrivo. Poi certo, in un grande Giro può succedere di tutto ma io sono qui al 100% per Johnny e senza alcuna ambizione personale se non quella di contribuire al lavoro di squadra».