Francisco Javier Contador lancia la Eolo-Kometa: «Sogniamo il Giro e la vittoria di una tappa»

Javier Contador, general manager della Eolo Kometa (foto: Kometa-Xstra Cycling Team)
Tempo di lettura: 2 minuti

Soddisfatto, grato agli sponsor, determinato, sognatore. Francisco Javier Contador sorride per la favola lampo della Eolo-Kometa che scenderà sul ring delle Professional nel 2021. Il wide wall alle sue spalle è una immagine bellissima e chissà che non sia anche profetica per il futuro della nuova squadra con affiliazione in Italia. L’ambizioso progetto realizzato da Ivan Basso e dai fratelli Contador ha mosso i primi passi come Continental spagnola nel 2017 e con l’ingresso del brand Eolo si è concretizzato nel tempo il meritato approdo nella categoria maggiore.

Francisco Javier Contador e il sogno Giro d’Italia della Eolo-Kometa

Il campo base sarà Busto Arsizio, terra a vocazione sportiva anche con la presenza di una squadra di volley femminile di Serie A1, e i presupposti per fare bene ci sono tutti. Javier Francisco Contador, intervistato dal sito ufficiale del team, esprime dei concetti chiari che sembrano il manifesto, il mantra di quello che sarà il ciclismo in casa Eolo-Kometa: «Il punto di partenza è lottare, alzarsi in piedi, essere offensivi, mostrare ambizione e essere presenti in gara. L’arrivo di EOLO nel team fa parte di un progetto di tre anni. Il 2021 è il primo anno, ma allo stesso tempo è molto importante. Non trascuriamo l’aspetto formativo per i ragazzi più giovani, ma siamo convinti che non sarà sufficiente andare in fuga nelle gare contro i team del WorldTour. Ci interessano anche i risultati. E, in questo contesto, si è cercato anche un equilibrio quando si è trattato di formare la squadra».

Il primo mattoncino della Eolo-Kometa sarebbe la realizzazione del sogno rosa nel 2021: «Speriamo di avere un invito per essere al via del Giro d’Italia e riuscire a vincere una tappa. Oltre al Giro, ottenere belle vittorie nelle gare a cui partecipiamo. E che tutti i corridori abbiano una buona stagione, senza incidenti o problemi di salute, nella quale possano continuare a migliorare».