Brailsford: «E’ una nuova era per noi. Basta con lo stile difensivo, vogliamo correre all’attacco»

Dave Brailsford Ineos
Sir Dave Brailsford, team manager della Ineos-Grenadiers all'ultimo Giro d'Italia

E’ una nuova era per il team Ineos-Grenadier dopo la vittoria di Geoghegan Hart al Giro d’Italia. Avevamo imparato a conoscerli per il loro stile “difensivo”, incentrato sul ritmo alto volto a sfiancare gli avversari.
Sir Dave Brailsford, vincitore con i suoi ragazzi, di 11 grandi Giri dal 2010, ha parlato ad Eurosport di una rivoluzione che piace ai tifosi ed esalta i corridori. «Siamo granatieri ora».

Sette tappe (4 Ganna, 2 Geoghegan Hart, 1 Narvaez), la maglia rosa della classifica generale e la maglia bianca di miglior giovane. Questo il bottino in un Giro d’Italia che segna il punto di svolta dello squadrone britannico.

«In questi anni abbiamo adottato uno stile più difensivo e abbiamo vinto molto. Bisogna ammettere però che non era divertente. Alla fine lo sport è questo: emozioni, momenti esaltanti, anche errori. Abbiamo emulato il proprietario del team Jim Ratcliffe che lo scorso anno ha acquistato la squadra e l’ha ribattezzata Ineos-Grenadier. Lui è un avventuriero che ama gli attacchi e ha fine giornata non ha rimpianti. E’ uno che chiama i corridori e dice “andiamo e proviamo“. Ora sappiamo cosa vogliamo e dobbiamo essere. Non vediamo l’ora di provarci di nuovo!».

Un Brailsford diverso, come la sua squadra…