Tirreno-Adriatico, oggi la quarta tappa: percorso, favoriti e dove vederla in TV

Terza tappa
Il gruppo della Tirreno-Adriatico (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: 2 minuti

La caduta all’ultima curva prima dell’arrivo di Gualdo Tadino ha creato un finale confuso e inatteso nella tappa di ieri, con tanti protagonisti tagliati fuori (come Jasper Philipsen finito a terra) e la vittoria che è andata al tedesco Phil Bauhaus (Bahrain-Victorious). Anche oggi è stato disegnato un finale mosso, che arriva dopo una giornata molto lunga e con una salita pesante a inizio frazione, che rimarrà sicuramente sulle gambe di diversi atleti. Tutti questi elementi fanno sospettare che anche il traguardo di Giulianova ci potrebbe rivelare grandi sorprese.

Percorso

Tirreno-Adriatico
Altimetria 4ª tappa Tirreno-Adriatico 2024

Siamo già al giro di boa di questa di questa Tirreno-Adriatico 2024, che per la quarta tappa presenta ancora un percorso molto lungo (208 km) da Arrone a Giulianova. Il tracciato ha un disegno particolare, in quanto prevede la lunga salita di Valico di Castelluccio (16.9 km al 5%) e la scalata di Forca di Presa (4.8 km al 4.9%) nella prima metà della frazione. La seconda parte, comunque mossa, non presenta però grandi difficoltà, anche se nel finale ci saranno un paio di saliscendi di non semplice lettura. Come ad esempio la l’ascesa di Mosciano Sant’Angelo (2.7 km al 3.8%).

Favoriti

⭐️⭐️⭐️

La salita di Valico di Castelluccio sembra posizionata troppo presto per tagliare fuori del tutto i velocisti puri che, anche se si staccheranno prima della cima, avranno tanto spazio per rientrare. In molti sono quindi convinti che anche oggi di possa arrivare in volata. In tal caso i nomi sono sempre quelli: Jasper Philipsen (Alpecin-Deceuninck), Tim Merlier (Soudal Quick-Step), Jonathan Milan (Lidl-Trek), Caleb Ewan (Jayco-AlUla), Mark Cavendish (Astana Qazaqstan), Phil Bauhaus (Bahrain-Victorious), Axel Zingle (Cofidis) e Casper Van Uden (DSM-Firmenich PostNL).

⭐️⭐️

Diversi team, però, proveranno sicuramente a fare corsa dura fin da subito e rendere difficile il rientro dei velocisti. Si potrebbe quindi assistere a un finale a ranghi ristretti, dove i nomi più pericolosi sono quelli di Andrea Bagioli (Lidl-Trek), Biniam Girmay (Intermarché), Magnus Cort Nielsen (Uno-X), Ivan Garcia Cortina (Movistar Team), Vincenzo Albanese (Arkéa-B&B Hotels) e Corbin Strong (Israel-Premier Tech).

⭐️

In una frazione così lunga e di difficile interpretazione come quella odierna, però, non è da escludere la possibilità dell’arrivo della fuga. In questa Tirreno-Adriatico, infatti, ci sono diversi cacciatori di tappe capaci di resistere al rientro del gruppo anche dopo diverse centinaia di chilometri con il vento in faccio. I nomi più interessanti sono quelli di Alberto Bettiol e Neilson Powless (EF Education-EasyPost), Lennard Kamna (Bora-hansgrohe), Marc Hirschi e Alessandro Covi (UAE Team Emirates), Valentin Madouas (Groupama-FDJ), Magnus Sheffield (Ineos-Grenadiers), Alessandro De Marchi e Simon Clarke (Jayco-AlUla), Tom Skujins (Lidl-Trek), Søren Waerenskjold (Uno-X), Simon Geschke (Cofidis), Andrea Vendrame (Decathlon AG2R La Mondiale) e Lorenzo Rota (Intermarché).

Dove vedere la quarta tappa della Tirreno-Adriatico in TV

La quarta tappa della Tirreno-Adriatico sarà trasmessa in diretta sui canali Rai: dalle 13.05 alle 15 su Rai Sportdalle 15 alle 15.50 su Rai 2. Diretta anche su Eurosport 2dalle 13.05 alle 15.45. Infine, la tappa sarà trasmessa in streaming su RaiPlay e Discovery+.