Gravel, Valverde vince per distacco al debutto e la dedica a Scarponi

Valverde
Alejandro Valverde sarà uno dei quattro protonisti del team Movistar per le gare di gravel (crédito: GOBIK / Movistar Team)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Compirà 43 anni martedì. Oggi, intanto, Alejandro Valverde ha vinto La Indomable, la sua prima gara gravel. Il corridore della Movistar, che ha lasciato la strada alla fine della scorsa stagione, ha tagliato il traguardo da solo nella corsa spagnola, che si è svolta sugli sterrati intorno ad Almería e fa parte delle UCI Gravel World Series. Valverde ha percorso 97 chilometri con 2.400 metri di dislivello e ha chiuso con quattro minuti di vantaggio sul suo connazionale Ismael Esteban Agüero e sul britannico Cameron Mason.

«Mi è piaciuto, è terribilmente difficile. Devi essere davvero in forma per poterlo fare. Assomiglia un po’ alla Strade Bianche, ma l’ultimo tratto l’ho fatto a piedi perché era faticoso e volevo evitare cadute».

Con la sua vittoria in questo turno dell’UCI Gravel World Series, Valverde si è automaticamente qualificato anche per il mondiale che si svolgerà in Veneto nel fine settimana del 7 e 8 ottobre. «Sono rimasto praticamente solo dal chilometro 2. Le discese erano tecniche e veloci, ma mi sentivo bene. Sono convinto che farò più gare, ma per questo devi essere molto in forma. Vedremo se sarò al mondiale», ha concluso lo spagnolo, che si è commosso dedicando questo successo al suo amico Michele Scarponi.

Ieri erano sei anni esatti dal sabato in cui fu ucciso su una strada non lontano da casa sua a Filottrano.