TOUR DOWN UNDER 2023 / Bauhaus infila Ewan e Matthews. Bravo Covi, quarto

Phil Bauhaus
Phil Bauhaus vince la seconda tappa del Tour Down Under 2023
Tempo di lettura: 2 minuti

La prima tappa in linea del Tour Down Under maschile, la Tanunda-Tanunda di 149,9 chilometri, ha visto la lunga fuga solitaria di Nans Peters, scalatore francese della Ag2r che in carriera ha già vinto una frazione al Giro e una al Tour. Alle sue spalle, le ruote veloci del gruppo iniziavano ad annusarsi combattendo agli sprint intermedi.

Il transalpino, ripreso a 56 chilometri dall’arrivo, ci ha riprovato anche poco dopo, ma senza distanziare il plotone. Intanto una brutta caduta costringe Robert Gesink al ritiro. L’olandese, finendo a terra, prende una bella frustata alla testa e al collo. Ma non è l’unica caduta: nella prima della giornata ci rimette Patrick Bevin, già caduto nella Schwalbe Classic; nell’ultima, a ridosso dell’arrivo, c’è dentro Magnus Sheffield, il secondo della generale, che per il momento dovrebbe continuare.

La salita di Menglers Hill, nonostante sia stata ripetuta cinque volte, non ha fatto la selezione (era prevedibile) e allora a giocarsi il successo si presenta un plotone particolarmente nutrito. Michael Matthews, il solito equilibrista, per una sbandata perde le ruote dei suoi uomini ma non cade. Il più bravo, tuttavia, è Phil Bauhaus, lo sprinter tedesco della Bahrain-Victorious che parte lungo, la mette sulla pura potenza e alla fine trionfa.

Matthews, rimasto leggermente chiuso, non riesce ad esprimersi al massimo ed è terzo. Secondo, invece, nella generale. Stamani era decimo. A forza di abbuoni ha guadagnato otto secondi, quindi adesso sono soltanto sei quelli che li dividono dal leader, che è ancora Alberto Bettiol.

Secondo Caleb Ewan, addirittura poco convinto di fare la volata. Probabilmente negli ultimi cento metri è stato il più veloce. Di certo la selezione australiana al suo fianco è molto giovane, ragion per cui allo sprint deve fare praticamente tutto da solo. Quarto un ottimo Alessandro Covi.

Appuntamento a domani, con la Brighton-Victor Harbor di 154,8 chilometri.