Tour de France 2022 / 21ª tappa: Philipsen vola sui Campi Elisi! Vingegaard vince la Grande Boucle davanti a Pogacar e Thomas

Tour de France
Jasper Philipsen vince l'ultima tappa del Tour de France 2022 (foto: A.S.O./Lopez)
Tempo di lettura: 2 minuti

JASPER PHILIPSEN VINCE SUI CAMPI ELISI! Ne ha di più di tutti il belga della Alpecin-Fenix, una volata senza storia e che gli regala il secondo successo in questa edizione del Tour de France. Seconda posizione per Dylan Groenewegen davanti a un ottimo Alexander Kristoff.

Ora è ufficiale. Jonas Vingegaard vince il Tour de France 2022 davanti a Tadej Pogacar e Geraint Thomas.

Ordine d’arrivo

Ultimo chilometro…

19.38 (-5,5 km): Allungo di Pogacar!!! Dietro di lui Filippo Ganna, il gruppo però non li lascia andare via.

19.37 (-6 km): Ripresi i due. Inizia l’ultimo giro.

19.33 (-10 km): Si staccano anche Le Gac e Duchesne.

19.23 (-19 km): Sedici secondi di vantaggio per i quattro. Si è staccato Doull.

19.11 (-29 km): Ripresi i quattro. Si rilanciano Schachmann, Duchesne, Le Pac, Doull, Rutsch.

18.56 (-42 km): Tratnik, Bissegger, Dewulf e Burgeaudeau all’attacco.

18.39 (-58 km): Il gruppo inizia piano piano ad accelerare.

18.10 (-76 km): Media oraria di 28,2 km/h.

17.52 (-87 km): Il gruppo passeggia.

17.32 (-94 km): La Jumbo-Visma in testa al gruppo per le foto di rito.

100 chilometri all’arrivo!

17.07: Si procede ovviamente ad andatura molto bassa.

16.45: Partiti.

Amiche e amici di Bicisport e quibicisport.it, benvenuti alla diretta live della ventunesima e ultima tappa del Tour de France 2022 dalla Defense Arena di Nanterre a Parigi Champs-Elysées

Il percorso della 21ª tappa del Tour de France

L’ultimo atto del Tour de France 2022 sta per andare in scena! La ventunesima tappa, l’ultima, è da sempre la passerella per il vincitore della Grande Boucle e in questo caso per Jonas Vingegaard. Si respira un grande clima di festa in gruppo, ma fino ai primi passaggi nel circuito finale degli Champs-Élysées. Dopodiché la corsa si accende verso la volata finale, uno dei traguardi più ambiti dai velocisti.

Partenza dalla Defense Arena di Nanterre, un’impianto polivalente che ospiterà anche i Giochi Olimpici 2024, e arrivo sui Campi Elisi dopo 115 chilometri. Una prima metà di tappa leggermente ondulata, con un facile G.P.M. di quarta categoria (Côte du Pavé des Gardes: 1,3 km al 6,5%) lascia spazio al classico finale del Tour. Otto giri nel circuito che attraversa il cuore di Parigi, lungo il quale qualcuno vorrà tentare il colpaccio attaccando e anticipando lo sprint. Ci riuscì nel 2005 Alexander Vinokourov, sfruttando la prima parte del circuito in lieve ascesa su un terreno non semplicissimo come i sampietrini.

I favoriti

La ventunesima e ultima tappa del Tour de France è appannaggio di quei velocisti che meglio hanno superato le tre dure settimane di corsa. Chi avrà ancora nelle gambe l’energia necessaria per fare la differenza, potrà alzare le braccia al cielo sugli Champs-Élysées. Guardando gli ultimi ordini d’arrivo le ruote veloci più in forma sembrano essere Wout van Aert (Jumbo-Visma), vincitore qui lo scorso anno, e Jasper Philipsen, che ha conquistato la volata della quindicesima tappa con arrivo a Carcassonne.

Ad inserirsi nella sfida tra i due ci proveranno Alberto Dainese (Team DSM), Dylan Groenewegen (BikeExchange-Jayco), Fabio Jakobsen (Quick-Step Alpha Vinyl), Caleb Ewan (Lotto Soudal). Un gradino sotto, ma da non sottovalutare sono anche Danny Van Poppel (Bora-Hansgrohe), Peter Sagan (TotalEnergies), Mads Pedersen (Trek-Segafredo), Luca Mozzato (B&B Hotels-KTM) e Alexander Kristoff (Intermerché Wanty-Gobert).