Lopez sospeso dalla Astana! Il colombiano è indagato per traffico illecito di sostanze vietate

Lopez
Miguel Ángel Lopez poco prima del ritiro dal Giro d'Italia 2022 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

È di ieri sera la notizia dell’iscrizione di Miguel Angel Lopez nel registro degli indagati del caso Maynar in Spagna. Il colombiano è infatti indagato per collegamento a un traffico illecito di sostanze vietate. Il corridore dell’Astana sarebbe dovuto rientrare lunedì alle corse alla Prueba Villafranca, ma ora il team kazako lo ha sospeso fino a quando la situazione non sarà chiarita.

Caso Lopez: il comunicato ufficiale della Astana Qazaqstan Team

Ecco il comunicato ufficiale del team Astana Qazaqstan, diretto da Alexander Vinokourov: «La notizia diffusa dai media ieri sera ci ha colto di sorpresa, e al momento non abbiamo nessun dettaglio ulteriore. A questo proposito, la squadra ha deciso di sospendere Miguel Angel Lopez da qualsiasi attività fino a quando tutte le circostanze del caso non saranno chiarite».

Secondo il portale spagnolo Ciclo21 in particolare il colombiano “potrebbe essere ritenuto penalmente responsabile dei fatti oggetto dell’indagine”, una posizione questa che verrà chiarita con lo svolgimento delle indagini nei prossimi giorni.

Il medico con cui Lopez sarebbe collegato è un professore dell’Università dell’Estremadura, che lavora nel laboratorio di fisiologia della Facoltà di Scienze dello Sport. La carriera professionale di Maynar lo ha visto più volte coinvolto in casi di doping in diversi sport e specialità come il ciclismo – il caso LA Aluminios con la morte di Bruno Neves e l’individuazione di EPO e anabolizzanti, Fassa Bortolo e Comunitat Valenciana-Kelme -la pallacanestro e la pallavolo (squadre di Cáceres), il calcio – il caso Gurpegui e Sabino Padilla.

Il classe 1994 infatti, sbarcato ieri in Europa per tornare alle gare alla Prueba Villafranca dopo il ritiro al Giro d’Italia per un problema fisico, sembra sia iscritto nel registro degli indagati del caso Maynar in Spagna per presunto traffico di farmaci e sostanze vietate.