Giro d’Italia / Luca Scinto contromano: «Diego Rosa, una fuga assurda. Caro Zanatta, lo dovevi fermare»

Zanatta
Stefano Zanatta, direttore sportivo della Eolo-Kometa al Giro d'Italia
Tempo di lettura: 2 minuti

Che dire ragazzi, parlo senza peli sulla lingua: ho trovato l’azione di Diego Rosa semplicemente inspiegabile e per questo vorrei chiedere a Zanatta, tecnico sull’ammiraglia della Eolo Kometa, come mai lo ha lasciato andare così – da solo – in una fuga senza senso. E poi attenzione: se pensiamo alla tappa di oggi e a quella di domani dove uno come Rosa avrebbe potuto far bene, trovo l’azione di ieri ancor più scriteriata e incomprensibile”. Non usa mezze misure Luca Scinto analizzando la tappa di ieri ponendo soprattutto l’attenzione sulla lunghissima fuga solitaria del corridore piemontese.
Se fossi stato io sull’ammiraglia della sua squadra prima di tutto non l’avrei mandato via in quel modo e, se avesse preso lui l’iniziativa, l’avrei fermato in tutti i modi, anche buttandolo giù con la macchina” scherza Luca parlando però in modo estremamente chiaro.

Giro d’Italia: Luca Scinto contromano sulla sesta tappa: la fuga assurda di Diego Rosa e Nizzolo che si muove troppo presto

E della vittoria di Demare, la seconda in questo Giro, che cosa ci dici?

«Dico che ha vinto con merito grazie anche ad un treno impeccabile. Il velocista francese mi è sempre piaciuto: lo trovo un grandissimo corridore, molto elegante nello stile. Per certi versi mi ricorda Cipollini, a voi no?»

E dei battuti, invece, che giudizio dai?

«Ancora male il team Israel di Nizzolo che continua a muoversi troppo in anticipo, non preciso Cavendish che ieri non avendo il “gambone” doveva partire trenta metri più avanti e troppo nervoso Gaviria che ha sbagliato volata andandosi ad incartare tra i Dsm».

Certo che Fernando al momento in questo Giro gli dice proprio male, non ti pare?

«Sì, è vero, ma non è tutta sfortuna. La verità è che è in condizione ma è troppo nervoso, troppo irruento. E questa situazione, con i risultati che non arrivano, rischia di peggiorare ancora di più le sue prestazioni. Caro Fernando, capisco che hai fame di vittoria e questo ci sta eccome, ma sii più libero e “spensierato” e vedrai che questa benedetta vittoria finalmente arriverà».