Amstel Gold Race 2022: percorso, favoriti e dove vederla in tv

Amstel
Il gruppo sul Cauberg all'Amstel Gold Race, in una foto d'archivio.
Tempo di lettura: 3 minuti

Ecco le classiche delle Ardenne! Domenica si disputerà l’Amstel Gold Race, la classica più rinomata dei Paesi Bassi, detta anche la corsa della birra, in quanto è da sempre sponsorizzata dall’omonima “Amstel Bier”. A causa delle elezioni presidenziali in Francia l’Amstel andrà in scena con una settimana di anticipo, prendendo il posto della Parigi-Roubaix, che era solita seguire il Giro delle Fiandre.

La più giovane corsa tra le classiche del Nord attraversa la regione del Limburgo e prevede per questa cinquantaseiesima edizione 254 chilometri. Il primo colpo di pedale verrà dato a Maastricht, mentre a Valkenburg è posto il traguardo. In mezzo ben trentatré muri da affrontare, in un saliscendi continuo che sfiancherà i corridori. Le strette strade di campagna e i percorsi urbani delle diverse cittadine attraversate porranno il gruppo davanti a tante insidie nascoste, ostacoli di un tracciato già criticato in passato sul lato sicurezza.

Il muro più celebre attorno al quale ruota la corsa è il Cauberg, 1,2 chilometri al 6,5% di pendenza media con picchi al 12%. I corridori lo affronteranno tre volte: la prima a circa un’ora dall’inizio della gara e dopo altri sei berg, la seconda a metà percorso esatto e la terza quando mancheranno 21 chilometri al traguardo. Da lì ci si involerà verso le ultime due ascese, il Geulhemmerberg (1,1 chilometri al 5,4%) e il Bemelerberg (900 metri al 5%), dopo i quali lo striscione d’arrivo è lontano solo sette chilometri. L’ultimo Cauberg e questi ultimi due muri decideranno molto probabilmente la corsa, che nel finale lascia spazio ad un’azione solitaria oppure ad uno sprint a ranghi ristretti.

I favoriti

L’assenza di Wout van Aert, a causa della positività al Covid-19, fa rumore e si farà sentire. Il belga della Jumbo-Visma non potrà difendere il titolo conquistato lo scorso anno dopo un fotofinish millimetrico ai danni di Tom Pidcock (Ineos Grenadiers). Il britannico, apparso in crescita dopo un inizio di stagione in sordina, ci riproverà quest’anno e ha tutte le carte in regola per vincere. La squadra lo supporterà al meglio, schierando tra tutti Dylan van Baarle, secondo al Fiandre domenica scorsa, il quale potrebbe avere anche le sue chances di vittoria.

Ma Pidcock dovrà vedersela con il favorito numero uno, che porta il nome di Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix). L’olandese volante ha iniziato tardi la stagione a causa dei problemi alla schiena, ma nelle poche corse disputate si è messo sempre in luce, per arrivare allo splendido successo al Giro delle Fiandre. Lo stato di forma è ottimale per van der Poel, che ha già vinto questa corsa alla sua maniera nel 2019 e non vuole deludere i tifosi sulle strade di casa.

La Quick-Step Alpha Vinyl continua a puntare su Kasper Asgreen, ancora alla ricerca della condizione migliore, insieme a Zdenek Stybar. La Jumbo-Visma, invece, copre l’assenza di van Aert schierando un tridente che potrebbe sorprendere: Christophe Laporte, Tiesj Benoot e Tom Dumoulin.

Matej Mohoric sarà il capitano della Bahrain-Victorious ed è sempre pronto ad estrarre il coniglio da cilindro, Sanremo docet. Come è da tenere sott’occhio Marc Hirschi (UAE Emirates), rientrato al meglio dopo l’operazione all’anca.

Attenzione a non sottovalutare la coppia della Groupama-FDJ composta da Stefan Kung e Valentin Madouas, con quest’ultimo che viene dal sorprendente terzo posto al Fiandre. E non ci si deve dimenticare di un corridore veloce ma resistente come Michael Matthews (BikeExchange-Jayco), uno completo come Benoit Cosnefroy (AG2R Citroen) e un passista dotato di buono spunto come Victor Campenaerts (Lotto-Soudal).

La Trek-Segafredo dà fiducia a Filippo Baroncini, dato che il percorso dell’Amstel si addice a pieno alle sue caratteristiche. Un valido outsider, come lo saranno gli altri italiani al via, che lavoreranno anche per la squadra: Davide Ballerini e Andrea Bagioli per la Quick-Step Alpha Vinyl, Matteo Trentin (UAE Emirates), Alberto Bettiol (EF Education-EasyPost), Samuele Battistella per l’Astana.

Dove vedere l’Amstel Gold Race 2022 in tv

Sarà possibile seguire l’Amstel Gold Race in diretta a partire dalle 14:15 su Rai Sport e Eurosport 1. Dalle 15:40 anche su Rai 2.