La De Stefano ai giornalisti: «Non fatevi spaventare dagli uffici stampa»

De Stefano
Parigi, 27 luglio 2014: Alessandra De Stefano intervista Vincenzo Nibali che trionfa al Tour de France
Tempo di lettura: < 1 minuto

La direttrice di RaiSport Alessandra De Stefano non perde occasione di ricordare la grande scuola del ciclismo nella quale si è formata come cronista e che l’ha proiettata, prima donna nella storia dell’azienda, a capo della redazione sportiva. 

«Vengo dal ciclismo e quindi dalla strada. Lo rivendico – ha detto in un’intervista al Corriere della Sera – Correndo per anni dietro ai ciclisti ho imparato tantissimo, specie nei 200 metri tra traguardo e podio: è lo spazio in cui prendono corpo emozioni e delusioni. Il ciclismo è duro, spietato e a volte tragico. Grande scuola». 

Gli appassionati di ciclismo ricorderanno infatti come fino a qualche anno fa Alessandra aspettasse i corridori subito dopo l’arrivo per strappare a caldo le prime parole. Questo buttarsi nella mischia è quello che lei adesso chiede ai suoi giornalisti.

«Fame di notizie e voglia di lavorare scomodamente, perché la comodità è una trappola per un cronista. Che siano corretti ma decisi, che non si facciano spaventare dall’aggressività dei poteri forti o uffici stampa: se sei preparato e lavori seriamente la tua autorevolezza ti porterà sempre ad essere un interlocutore privilegiato degli atleti».