Uci, provvedimenti senza pietà contro le squadre di Russia e Bielorussia: il ciclismo chiude le porte, gli effetti shock della Guerra in Ucraina

I corridori della Gazprom-Rusvelo in allenamento, in una foto d'archivio
Tempo di lettura: 2 minuti

Il consiglio direttivo dell’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) si è riunito oggi in una sessione straordinaria per discutere la situazione in Ucraina e le misure che l’UCI intende adottare al riguardo. La guerra in Ucraina non conosce confini e anche nel mondo dello sport la rabbia e lo sconforto sono unanimi. Perciò, dopo le misure adottate dal calcio arrivano anche quelle del mondo del ciclismo che risponde con tutte le misure del caso al conflitto messo in atto dalla Russia. Due ruote letteralmente vietate ai russi, in ogni loro sfumatura e competizione. Provvedimenti senza pietà contro i team della nazione di Vladimir Putin e contro gli eventi organizzati nel Paese. Tutti i dettagli, punto per punto sono su quibicisport.

Questi i punti cruciali dei provvedimenti annunciati:

  1. Le squadre nazionali russe e bielorusse e/o le selezioni nazionali non sono autorizzate a partecipare a nessun evento del calendario internazionale, con effetto immediato.
  2. Lo status UCI è ritirato a tutte le squadre di nazionalità russa o bielorussa e l’UCI non prenderà in considerazione ulteriori richieste da squadre di questi due paesi. Il ritiro dello status di squadra UCI riguarda le seguenti squadre:
    – ProTeam Gazprom – RusVelo (RUS)
    – Continental Team Vozrozhdenie (RUS)
    – Track Team Marathon – Tula Cycling Team (RUS)
    – Continental Team CCN Factory Racing (BLR)
    – Continental Team Minsk Cycling Club (BLR)
    – Women’s Continental Team Minsk Cycling Club (BLR).
  3. L’UCI cancella tutte le manifestazioni russe e bielorusse dal Calendario Internazionale 2022 e non prenderà in considerazione ulteriori richieste di iscrizione. Le seguenti manifestazioni sono interessate dal ritiro dal Calendario Internazionale:
    – Gran Fondo Mosca 1: evento su pista di classe 2 (20-21 maggio 2022)
    – Gran Fondo Mosca: evento UCI Granfondo World Series (21-22 maggio 2022)
    – Grand Prix Moscow 2: evento su pista di categoria 2 (22 maggio 2022)
    – Grand Prix Saint-Petersburg: evento su pista di categoria 2 (26-29 maggio 2022)
    – Five Rings of Moscow: evento su strada di categoria 2.2 (8-12 giugno 2022).
  4. Anche i campionati nazionali russo e bielorusso vengono ritirati dal calendario internazionale.
  5. L’apparizione di tutti gli emblemi, nomi, sigle, bandiere e inni legati alla Russia e alla Bielorussia sono vietati in tutte le manifestazioni del Calendario Internazionale UCI. Le maglie dei campioni nazionali russi e bielorussi sono quindi vietate.
  6. Qualsiasi offerta di candidati russi e bielorussi per l’organizzazione di eventi non sarà presa in considerazione.
  7. L’UCI vieta agli organizzatori di eventi del Calendario Internazionale UCI di invitare squadre russe e bielorusse di club, regionali o miste.
  8. L’UCI non nominerà commissari internazionali russi o bielorussi per gli eventi del calendario internazionale UCI fino a nuovo avviso.

“L’UCI desidera chiarire che i corridori con licenza russa e bielorussa sono autorizzati a partecipare alle gare del Calendario Internazionale con le loro squadre nel momento in cui sono registrati in una squadra UCI non russa o bielorussa – precisa il comunicato – I corridori russi e bieloriussi possono anche partecipare alle prove del Calendario Internazionale quando l’iscrizione individuale è autorizzata. Ogni partecipazione di corridori russi o bielorussi deve essere sotto bandiera neutra, e gli organizzatori sono pregati di ritirare ogni riferimento a Russia e Bielorussia, compreso il nome, gli emblemi, le sigle e le bandiere, e di sostituirli con un riferimento o una denominazione neutra, su tutti i documenti e le pubblicazioni relative all’evento e in conformità alle istruzioni che saranno fornite dall’UCI”.