Pidcock, il campione più completo che ci sia: Mtb, cross e strada. Punta al Grande Slam, prossimo obiettivo Sanremo

Pidcock
Tom Pidcock durante il warm-up nella tappa di Coppa del mondo di ciclocross, in Val di Sole
Tempo di lettura: 2 minuti

Trentanove gradini per salire sul tetto del mondo. Trentanove gradini per iniziare la rincorsa al Grande Slam in questo 2022 ancora agli albori. Date una bicicletta di qualsiasi tipo (strada, Mtb o e-Mtb) a Tom Pidcock e vi conquisterà qualsiasi traguardo. Ha appena 22 anni, ma vanta una soffitta già piena di trofei raccolti in ogni campo, a ogni età e quasi in ogni continente. Il Centennial Park, la “Disneyland” del cross all’americana maniera, ha aperto la strada al sogno “triplete” del campione della Ineos-Grenadiers. Ha vinto la Freccia del Brabante, ha sfiorato l’Amstel Gold Race e quest’anno sarà alla Milano-Sanremo e al Giro d’Italia: un corridore completo come lui può ambire a tutto. Mtb, cross e strada, senza confini. Ce la farà? Ecco perché crederci, su quibicisport.

Pidcock, no limits: sei mondiali, lOlimpiade ed è soltanto l’inizio

Delle tre categoria presenti ai mondiali di ciclocross, Pidcock è stato Re in tutte. Primo da junior, primo da Under 23 e ieri la “masterclass” ottenuta tra gli Elite. Una considerazione è doverosa, quando si parla del corridore di Leeds: a settembre del 2020, quindi appena un anno e mezzo fa, vinceva (dominando in lungo e in largo) il Giro d’Italia Under 23, con le perle nella tappa dell’Aprica e in quella con arrivo a Montespluga. Distacchi importanti in classifica generale sui suoi coetanei e a vederlo all’opera tra i grandi, c’è da dire che non ha sofferto il salto di categoria. Pidcock ha dimostrato ancora una volta la sua spiccata versatilità – gli haters e i critici seriali diranno “Sì, ma erano assenti Van der Poel e Van Aert”, ma gli assenti non vanno considerati – da “campione totale” e nelle Classiche di primavera sarà sicuramente uno degli osservati speciali. Mondiali in Mtb, sulla e-Mtb, Olimpiade e ora il primo iride tra i grandi, nona medaglia della sua carriera. Dove può arrivare? Ha steso l’Armata Belga e con questi numeri, può andare a caccia su tutti i terreni e arrivare. Molto, molto lontano. Come ha fatto a Fayetteville, con lo stile di Superman.