World Tour 2022, lotta per la sopravvivenza. Le squadre a rischio retrocessione: tremano Movistar, Cofidis e Lotto Soudal. Spera la Arkea di Quintana

Il Team Movistar, tra le squadre a rischio retrocessione nel 2022 (foto: A.S.O./Luis Angel Gomez/©PHOTOGOMEZSPORT2021)
Tempo di lettura: 2 minuti

La stagione non è ancora iniziata, ma nel World Tour 2022 i risultati saranno una sentenza definitiva sul futuro di diverse squadre, nella massima serie del ciclismo mondiale. L’obiettivo? Assicurarsi un posto tra le “magnifiche” diciotto, nel triennio 2023-2025. Tremano team storici come la Movistar, la Cofidis e la Lotto-Soudal. Sperano formazioni che da pochi anni si sono affacciate alla finestra del circus delle due ruote. I possibili scenari e chi è in bilico, in questa autentica e spietata lotta per la sopravvivenza, su quibicisport.

World Tour 2022: la zona retrocessione della classifica UCI

Nel World Tour 2022 ci sarà un clima rovente, a tratti infernale, da “do or die” per squadre come la Movistar di Alejandro Valverde, l’Israel-Premier Tech di Chris Froome, l’Intermarché-Wanty-Gobert, la Cofidis di Simone Consonni e la Lotto Soudal: hanno quasi le spalle al muro e non vogliono scivolare nel limbo dantesco delle Professional, la categoria intermedia tra World Tour e Continental. Nella tabella che riportiamo, pubblicata da Cyclingnews, l’attenzione è rivolta alla “zona retrocessione”. Nella parte alta, invece, emerge una classifica dominata dalla QuickStep con la Jumbo-Visma e la Ineos-Grenadiers staccate di quasi 3000 punti.

10Groupama-FDJ12.134
11Team DSM11.414
12EF Education-Easypost10
13AG2R Citroën10.566
14BikeExchange-Jayco9.672
15Movistar9.609
16Israel-Premier Tech8.992
17Intermarché-Wanty-Gobert8.832
18Arkéa-Samsic8.669
19Cofidis7.987
20Lotto Soudal7.935

Va ricordato che i posti del World Tour sono decisi in base a criteri etici, finanziari, amministrativi e organizzativi, ma sono i criteri sportivi, ovvero la classifica triennale 2020-2022, ad aprire le porte della “Champions League” del ciclismo nel prossimo triennio. Le squadre conoscono benissimo le modalità di assegnazione dei punteggi e le strategie di ciclomercato, osservate durante gli ultimi mesi, vanno lette anche in questo senso: c’è chi ha puntato ai “cacciatori di tappe”, chi a potenziali outsider nella classifica generale dei Grandi Giri, altri ancora ai corridori da Classiche.

Cofidis e Lotto Soudal a rischio retrocessione. L’Arkéa-Samsic punta al grande salto

Cofidis e Lotto Soudal, virtualmente retrocesse se la classifica si fosse chiusa oggi, ma anche Movistar, Israel-Premier Tech e Team DSM. Spagnoli e olandesi in particolare, sono tra i team più “attendisti” del gruppo che – non avendo i nomi a disposizione – spesso mancano di coraggio e di iniziativa sia nei tanti tentativi di fuga andati a segno nel biennio 2020-2021, sia nei finali allo sprint. Cambieranno il loro modo di correre? Molto dipenderà dai roster formati per la prossima stagione.

L’Arkéa-Samsic di Nairo Quintana, punta decisa alla promozione nel WorldTour. Sarà una lotta accesa per la sopravvivenza e per il sogno inseguito da tanto. Il tempo delle parole sta per terminare, domenica si torna a fare sul serio. E c’è da attaccare, se a dicembre non si vuole aprire il libro dei rimpianti.