Van Aert salta il mondiale di ciclocross e va verso il forfait alla Strade Bianche, parla Zeeman: «Non è una priorità nel programma del 2022»

Wout Van Aert in testa alla corsa, alla Strade Bianche 2021, in una foto d'archivio
Tempo di lettura: 2 minuti

Wout Van Aert ha un legame speciale con la Strade Bianche. Quando ha vinto in Piazza del Campo a Siena, il 1° agosto 2020, ha conquistato il suo primo trionfo in una grande Classica. Terzo nel 2018 e nel 2019, quarto lo scorso anno alle spalle di Mathieu Van der Poel, Julian Alaphilippe ed Egan Bernal, il prossimo marzo però potrebbe dare forfait per avere più energie possibili nella campagna del grande nord. A parlare dei programmi del campione belga, che ha ufficializzato la sua assenza ai mondiali di ciclocross di Fayetteville, è Merijn Zeeman, direttore sportivo della Jumbo-Visma che vede altre priorità nella stagione di uno degli assi della squadra olandese.

Van Aert punta alla Milano-Sanremo e va verso il “No” alla Strade Bianche: le spiegazioni del ds Zeeman

Zeeman a Het Nieuwsblad ha spiegato i motivi della possibile rinuncia alla Strade Bianche: «Negli ultimi anni non siamo ancora stati in grado di vincere una classica sulle pietre con Wout, quindi credo che dovremmo affrontare un percorso di avvicinamento diverso», ha dichiarato Merijn Zeeman, manager del team olandese, che ha proseguito sottolineando l’impegno italiano di Van Aert: «La Milano-Sanremo sarà il suo primo grande appuntamento. Seguono poi Harelbeke, Gent-Wevelgem, il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix».

Quindi la grande assente è la Strade Bianche: sulle crete senesi WVA ha vinto nel 2020 ed è sempre stato super protagonista: «La Strade Bianche non fa più parte della sua lista di priorità, perché la data è difficile da incastrare con gli altri impegni».

Van Aert ha dunque deciso di non partecipare ai mondiali di ciclocross in programma a fine gennaio a Fayetteville, negli Stati Uniti d’America, Nei prossimi giorni sarà più definito anche il programma del mese di febbraio sarà più definito, con la possibilità del debutto su strada alla Omloop Het Nieuwsblad – vinta lo scorso anno da Davide Ballerini – il 26 febbraio.