Europei 2021 / Verso la crono: Rémi Cavagna, è lui l’anti-Ganna?

Cavagna
Remi Cavagna, qui in azione alla cronometro dei campionati del mondo di Imola.
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il percorso della cronometro dei campionati europei di domani a Trento è una vera e propria tavola da biliardo, piatto, adatto a chi sa spingere lunghi rapporti e tenere velocità elevate che tra i Professionisti si prospettano da capogiro.

Pericolo Cavagna

Sul nostro Filippo Ganna i più sono d’accordo: è lui il favorito per la conquista del titolo europeo, ma il ciclismo insegna che non bisogna assolutamente sottovalutare nessuno e che le possibili sorprese sono all’ordine del giorno.

A proposito, un corridore da tenere d’occhio è senza dubbio il francese Rémi Cavagna, giovane ventiseienne in forza alla Deceuninck Quick Step. Cavagna è uno che sa il fatto suo e a cronometro ha dimostrato sin dalle categorie giovanili di avere un gran bel talento. Nel 2016 giunge terzo ai campionati europei Under 23 disputati sulle strade di casa in quel di Plumelec, arrivando alle spalle del vincitore Lennard Kamma e di Filippo Ganna che in quell’occasione si dovette accontentare della piazza d’onore.

L’avvicinamento del francese può ritenersi egregio e in questa stagione, dopo il settimo posto ai mondiali dell’anno scorso a cronometro a Imola, può vantare due successi ottenuti proprio a cronometro nella quinta tappa del Tour de Romandie a Friburgo e nella sesta tappa del Giro di Polonia. Alle ultime Olimpiadi, in un percorso non adatto alle sue caratteristiche, ha colto la diciassettesima piazza ma in quel di Trento domani sarà tutta un’altra storia e Rémi non ha nessuna intenzione di sprecare una ghiottissima occasione rappresentata da un tracciato veloce e adatto a un cronoman del suo calibro.