Da Norma Gimondi un forte intervento a difesa del valore di Nibali

Gimondi
Norma Gimondi, figlia di Felice, vice-presidentessa della Federciclismo.
Tempo di lettura: 2 minuti

Norma Gimondi, vice presidente della Federazione e responsabile del settore professionistico, ha voluto esprimere il suo incoraggiamento a Vincenzo Nibali per quanto sta subendo sui Social. Una presa di posizione netta che farà certo piacere al campione siciliano.

Nibali: la presa di posizione di Norma Gimondi

«Da qualche giorno leggo sui social commenti rivolti a Vincenzo Nibali, al suo rendimento in questo Giro d’Italia, che più che essere l’esercizio del diritto di critica e della libertà d’opinione dei tifosi, rappresentano offese ed insulti del tutto gratuiti rivolti al nostro miglior ciclista degli ultimi 10 anni.

«Fortunatamente, la maggioranza dei tifosi non solo non dimentica i successi e le emozioni che ci ha fatto vivere Vincenzo in questi anni, ma comprende anche che Nibali ha raggiunto una maturità che, attualmente, è tutt’altro che un vantaggio, anzi: se ai trentasei anni compiuti, aggiungiamo l’operazione di tre settimane fa, per sistemare il polso fratturato, e le conseguenze della caduta di qualche giorno fa, a Vincenzo noi tifosi dovremmo solo dire “bravo” per essere ancora in corsa, per non aver mollato malgrado tutto!

«Nibali con la sua tenacia sta dimostrando a noi tifosi cosa voglia dire essere un Campione anche nella sventura, anche quando sulla strada il tuo avversario ha 15 anni in meno di te e non corre con i postumi di un recente intervento per la frattura di un polso: posso solo immaginare le pressioni che Vincenzo ha vissuto alla vigilia di questo Giro e le tensioni che sta vivendo ora, perché per un Campione non è semplice convivere con l’amarezza che si prova quando si deludono le aspettative di chi crede in te (anche le proprie aspettative quando, come Vincenzo, ti sei allenato per mesi per arrivare al meglio al Giro d’Italia).  

«Il tifoso dovrebbe gioire delle vittorie del proprio Campione e dargli forza nelle difficoltà: anche chi non è tifoso di Vincenzo dovrebbe solo apprezzare non solo quanto già ci ha dimostrato continuativamente negli anni, ma anche la sua determinazione, la sua caparbietà ed il suo coraggio nel continuare un Giro d’Italia partito senz’altro male (per via della frattura al polso) e continuato nelle difficoltà.

«Mutuando una canzone che mi piace molto, un Campione lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia: quindi forza Vincenzo!»