Hirschi: «Il 2020 stagione speciale, sarà difficile fare meglio. I Giochi? Un grande obiettivo»

Hirschi tour
Marc Hirschi (Sunweb) in azione durante la 12ª tappa del Tour de France 2020, poi il discusso addio con il nuovo Team DSM, ex Sunweb (foto: A.S.O./AlexBroadway)
Tempo di lettura: < 1 minuti

Attualmente a Gran Canaria, dove da tre settimane sta svolgendo la preparazione per iniziare al meglio il 2021, Marc Hirschi è tornato a parlare su quella che è stata per lui la stagione appena trascorsa.

Vincitore di una stupenda tappa al Tour de France e della Freccia Vallone, il ventiduenne svizzero è stato una delle rivelazioni di un 2020 che, seppur anomalo, il corridore del Team DSM faticherà a dimenticare.

Un grande 2020

«È stata una stagione fantastica, spero di continuare così e mantenere lo stesso livello anche l’anno prossimo. Al Tour ho ottenuto la mia prima vittoria da professionista, è difficile paragonarla con la Freccia perché entrambi sono due grandi successi: non li dimenticherà mai».

Sul replicare quanto fatto vedere negli scorsi mesi Hirschi però è prudente e ci tiene a mettere le mani avanti: Sarò maggiormente controllato per cui, anche se dovessi raggiungere la stessa forma, non sarà facile eguagliare la stagione appena conclusa. Il 2020 è stata una stagione speciale ma corta. Spero di essere costantemente performante anche in una stagione normale. Vedremo come andrà. Guardo al futuro con ottimismo», ha detto il campione del mondo Under 23 a Innsbruck.

Tokyo nel mirino

Hirschi poi ha rivelato come, nonostante il suo programma per il 2021 non sia ancora stato definito pienamente, ci sia una corsa che lo attiri più di altre.

«Le classiche saranno sicuramente un obiettivo. Farò certamente le Ardenne, mentre non è ancora stato deciso se prenderò parte anche alle gare fiamminghe. Correrò poi una grande corsa a tappe ma non so ancora quale visto che il percorso del Giro non è ancora stato svelato. Quindi punterò ai Giochi di Tokyo. Sono un grande obiettivo, il percorso è adatto a me, non posso fare altro che prepararmi al meglio».