Bicisport di novembre 2020

Da dove partiamo? Ma dal Giro d’Italia, ovviamente, vinto inaspettatamente da Geoghegan Hart su Hindley (3° Kelderman). L’Italia scopre un Ganna eccezionale, per lui addirittura 4 vittorie di tappa, e un Nibali non così brillante: alla fine è 7°, a oltre otto minuti dalla maglia rosa. Bene anche Ulissi, 2 tappe, e Masnada, 9° nella generale. Tra gli stranieri, sugli scudi Demare e Sagan, che hanno dato vita a furiose volate e stupendi assoli. Ma nel mese di ottobre non c’è stata soltanto la corsa rosa. E’ toccato anche alle grandi classiche del nord, compresa la Parigi-Roubaix e l’Amstel Gold Race clamorosamente annullate. Meraviglioso finale al Fiandre, con Van der Poel che anticipa Van Aert al fotofinish dopo le polemiche alla Gand-Wevelgem, conquistata invece da un bel Pedersen (3° Trentin). Alla Freccia s’è rivisto Hirschi dopo il bellissimo Tour de France, mentre alla Liegi-Bastogne-Liegi il protagonista è stato Alaphilippe: ha esultato troppo presto e si è fatto infilzare da Roglic, ancora tra i migliori dopo la Grande Boucle e i mondiali di Imola. Ma Bicisport di novembre si fa in due: in allegato troverete, infatti, la nostra tradizionale “Guida alle scelte 20/21”, con tutte le informazioni tecniche più importanti e succulente del panorama ciclistico.

Il Romanzo del Giro 2020

Siate sinceri, avete mai assistito ad un’edizione più unica di quella recentemente terminata? I grandi favoriti della vigilia o si sono persi per strada non per colpa loro (Evenepoel, Yates, Kruijswijk, Thomas) o non hanno reso come ci si aspettava (Nibali, Majka, Fuglsang). E’ stato il Giro d’Italia delle grandi polemiche: il ritiro improvviso della Jumbo-Visma, le critiche sulla tenuta della bolla, lo sciopero di Morbegno. Ma si è rivelata, alla fin fine, la solita stupenda corsa che attraversa il nostro paese e prova a distrarlo per almeno tre settimane: le 4 volate di Demare, la vittoria solitaria di Sagan, il dominio di Ganna nelle prove contro il tempo (e non solo). E nell’ultima settimana, uno Stelvio innevato ha definitivamente spaccato la corsa: sui tornanti del gigante un bravissimo Almeida ha perso la rosa, mentre uno straripante Dennis lanciava il giovane Geoghegan Hart verso la rosa. E ancora le tattiche della Sunweb, la delusione di Viviani e Gaviria, il finale mozzafiato nel surreale scenario d’una Piazza del Duomo accessibile soltanto agli addetti ai lavori.

IN COPERTINA

E’ stato Ganna il gigante del Giro

Giro d’Italia. La corsa travolge mille gravi problemi e propone alla fine uno scontro a...

Entriamo nell’intimo con la sorella del campione

Giro d’Italia. «Mio fratello è un “cucciolone” di una bontà infinita. E’ uno che vive...

E adesso che cosa chiediamo a Nibali?

Giro d’Italia. Guardate questa fotografia scattata alla presentazione delle squadre. E’ la sintesi, persino poetica,...

Facciamo le “pulci” al padrone del vapore

Giro d’Italia. Vediamo un po’ chi è questo Geoghegan Hart che ha lasciato il calcio...

Il taccuino d’un critico tappa per tappa

Giro d’Italia. Questa lettura vi riporterà nelle storie della corsa rosa vissute insieme a Beppe...

Bentornato “Friuli”, padrino di Pogacar

Giro del Friuli / Ecco una corsa tra le più importanti in Europa. Vince Leknessund,...

Dispaccio dal Nord.

Nonostante le difficoltà legate alla pandemia mondiale, la cancellazione della Parigi-Roubaix e dell’Amstel Gold Race...

Se Ganna fa rinascere la leggenda dell’Ora

Il record dell’Ora sulla “pista magica” del Vigorelli era un evento da tutto esaurito in...
Please enter the Page ID of the Facebook feed you'd like to display. You can do this in either the Custom Facebook Feed plugin settings or in the shortcode itself. For example,
This message is only visible to admins.
Problem displaying Facebook posts. Backup cache in use.
Click to show error
Error: Invalid OAuth access token - Cannot parse access token Type: OAuthException
.