Gilbert: «Pogacar vince con stile, non come ai tempi di Froome»

Gilbert
Philippe Gilbert alla Strade Bianche 2023.
Tempo di lettura: 2 minuti

Philippe Gilbert, leggenda del ciclismo belga e oggi commentatore su Eurosport, ha recentemente espresso il suo apprezzamento per il modo di correre di Tadej Pogacar, sempre all’attacco senza paura, soprattutto se confrontato con lo stile di corsa più tattico che era invece comune nello scorso decennio.

«Anche se domina è comunque molto bello da vedere, vince con stile – ha dichiarato Gilbert, come riportato da Velo – non è come ai tempi di Froome, quando non c’era “panache”, non c’era stile. Non era bello guardare il ciclismo in quel periodo. Ma fenomeni come Pogacar e Van der Poel riportano il ciclismo indietro nel tempo, agli anni ‘60, ‘70 o ‘80, ai tempi in cui corridori come Merckx e Moser partivano lontani dal traguardo e vincevano con minuti di vantaggio».

Gilbert, inoltre, ha applaudito la scelta di Pogacar di dare l’assalto alla doppietta Giro-Tour: «È bello vedere un corridore che si pone vari obiettivi e non pensa solo al Tour de France. Lui punta alle classiche, punta al Giro, prima o poi alla Vuelta, e credo anche che un giorno diventerà campione del mondo». Per quanto riguarda il Giro d’Italia, Gilbert ha pochi dubbi: «È onestamente molto difficile pensare che possa vincere qualcun altro. Poi è chiaro che tre settimane sono lunghe e tutto può succedere, ma a parte cadute o sfortune varie mi sembra impossibile che possa perdere, perché è fortissimo e anche molto bravo tatticamente».

«Credo che fin, dal primo giorno, Pogacar cercherà di mettere più tempo possibile tra sé e i rivali – ha concluso Gilbertandrà al massimo a inizio Giro, e poi così potrà limitarsi a controllare, magari con due o tre minuti di vantaggio. Anche gli altri vorranno proteggere la propria posizione in classifica, per cui lui si limiterà a controllare, magari guadagnando ulteriormente grazie alle cronometro».