O Gran Camiño, il primo test per Vingegaard verso il terzo Tour: percorso, favoriti e dove vederlo in TV

Jonas Vingegaard vince la terza tappa dell'O Gran Camiño (Foto: Ciclismo Internacional)
Tempo di lettura: 4 minuti

Nel 2023, cancellata la prima frazione per neve, Vingegaard si era preso le restanti tre tappe e due maglie dell’O Gran Camiño. Anche quest’anno aprirà la stagione con la corsa spagnola e le aspettative, quindi, si fanno alte.

La corsa a tappe, seppur alla terza edizione, è veramente storica. Nata nel 1933 come Volta a Galicia, si è portata fino ai primi anni del 2000 quando è stata declassata a gara amatoriale. Pochi anni fa si è cercato si rivitalizzarla e ora può vantare un parterre degno degli anni d’oro quando parteciparono Induráin, Olano, Pantani e Chiappucci. Ma vediamo cosa è proposto ai ciclisti nell’edizione 2024.

🚵🏻 Percorso

Dal 22 al 25 febbraio saranno proposte al gruppo quattro tappe in cui potranno misurarsi diversi corridori. Ecco dettagliate tutte le frazioni dell’O Gran Camiño.

1ª TAPPA – A Coruña-A Coruña (Torre de Hercules) – 14,8 chilometri – 159 metri di dislivello

La prima tappa è una prova a cronometro che partirà e arriverà a La Coruña. Saranno solo 14,8 i chilometri da percorrere che si svilupperanno su 159 metri di dislivello. Dopo 5,5 chilometri di gara è posto un rilevamento intermedio del tempo e nello stesso punto anche un Gpm di quarta categoria (1,5 chilometri al 4,8%). L’arrivo è posto in cima ad una rampa che porta a Torre de Hercules di 0,3 chilometri al 5,4%.

2ª TAPPA – TaboadaChantada – 151,2 chilometri – 3007 metri di dislivello

La seconda tappa sarà decisamente insidiosa. Nel percorso che porterà il gruppo da Taboada a Chantada non solo ci saranno 151,2 chilometri e 3007 metri di dislivello, ma anche quattro Gpm e diverse insidie.

Dopo il Palas de Rei, il gruppo affronterà il Ventas de Naron (6,3 chilometri al 4,2% ma non classificato Gran premio della montagna). Una lunga discesa e poi salirà subito per l’Alto Paradela, un terza categoria di 2,3 chilometri al 6,3%. Dopo quasi 30 chilometri il gruppo affronterà l’ascesa all’Alto de Sonan (2,9 chilometri al 4,9%) e, quando mancheranno una trentina di chilometri all’arrivo, l’Alto de San Pedro de Lincora (un seconda categoria di 5,2 chilometri al 6,1%). A questo punto i ciclisti transiteranno per il traguardo di Chantada ma continueranno su una strada che li riporterà a ripercorrere l’ultima salita e poi mancherà solo la linea d’arrivo.

3ª TAPPA – Xinzo de Limia-Castelo de Ribadavia – 173,1 chilometri – 2340 metri di dislivello

La terza tappa non sarà la più difficile dell’O Gran Camiño, ma la più lunga sicuramente sì. Questo non significa però che mancheranno delle salite dure. Dopo soli 14 chilometri, infatti, il gruppo comincerà l’ascesa verso il primo Gpm di giornata: Alto de Estivadas è classificato terza categoria e conta 3,7 chilometri al 4,6%. Dopo una ripida discesa si attraverserà un tratto pianeggiante fino all’imbocco del secondo Gpm, questa volta un seconda categoria: si tratta dell’Alto Albergueria (7 chilometri al 5,9%). Solo dopo circa 60 chilometri ci sarà il terzo Gpm (terza categoria), ossia l’Alto O Castro de Beiro (6,3 chilometri al 4,3%) e poi l’Alto do Couso (4,5 chilometri al 5,7%). Dopo essere transitati per A Bouza si scenderà fino al tratto semi-pianeggiante che porterà il gruppo al traguardo di Castelo de Ribadavia.

4ª TAPPA – PonteareasTui – 162,2 chilometri – 3421 metri di dislivello

La quarta tappa sarà decisiva, non tanto perché sarà l’ultima quanto perché il finale non lascerà scampo a chi non avrà nelle gambe la forza necessaria per affrontarlo. Dopo il via dato a Ponteareas il gruppo andrà verso l’Alto Cruceiro do Monte che, dopo 8,3 chilometri al 3,9%, assegnerà i punti per la classifica scalatori. Il tracciato rimarrà altalenante fino a Ponte Caldelas dove si imboccherà una discesa. Per 40 chilometri il tracciato rimarrà abbastanza pianeggiante, ma poi si salirà sull’Alto de San Cosme di 5,5 chilometri al 6,2% (gli ultimi 1,2 chilometri hanno una pendenza media del 8,4%). Dopo la discesa si entrerà in un circuito da percorrere due volte che comprende un passaggio per Tui e poi il Monte Aloia (6,8 chilometri al 7,8%) dove finirà l’O Gran Camiño 2024.

🥇 Favoriti

Il grandissimo atteso è, senza dubbio, Jonas Vingegaard. In Galizia aprirà la sua stagione 2024 e l’O Gran Camiño rappresenta per lui un primo test in vista del suo terzo Tour de France. La strada fino alla Grande Boucle è ancora lunga, ma chi meglio del danese può dire che incominciare bene da questa corsa porti buoni frutti anche a luglio in Francia? Lo scorso anno, per l’appunto, dopo aver vinto l’O Gran Camiño, ha avuto un percorso continuativo di crescita che è culminato con la vittoria del suo secondo Tour de France. Al debutto con la Visma|Lease a bike anche Cian Uijtdebroeks.

Al via ci sarà anche Richard Carapaz che, dopo aver già testato i suoi mezzi in Colombia, continua l’avvicinamento al Tour. Sarà sicuramente uno di quelli che darà corda da torcere a Vingegaard. Con lui anche Andrea Piccolo che ha dimostrato al Tour Colombia di essere pronto sia a vincere tappe che sostenere il capitano.

Direttamente dalla Colombia anche Egan Bernal: quanto punterà su di lui la Ineos Grenadiers? In squadra c’è spazio anche per Joshua Tarling che dopo O Gran Camiño correrà la Parigi-Nizza.

📺 Dove vedere in TV le tappe dell’O Gran Camiño

Sarà possibile vedere l’O Gran Camiño in diretta su Eurosport Streaming dalle 15.30. L’ultima tappa, invece, terminando poco dopo le 15.00, comincerà la diretta streaming alle 13.30.