VUELTA 2023 / Spintoni tra un massaggiatore della Jumbo e la polizia

L'attimo in cui il massaggiatore della Jumbo-Visma è a terra (@MLaGattina)
Tempo di lettura: < 1 minuti

Acque agitate dopo il traguardo, ma l’andamento della tappa non c’entra. Un membro dello staff Jumbo-Visma ha avuto un alterco con la Guardia Civil spagnola oltre il traguardo. Le riprese video mostrano l’uomo della Jumbo-Visma che spinge un agente di polizia, per poi essere buttato a terra da tre agenti proprio mentre Roglic passa il traguardo a La Cruz de Linares. Il membro dello staff, a quanto pare un massaggiatore incaricato di assistere Jonas Vingegaard al traguardo, si agita per alzarsi da terra prima che gli agenti di polizia lo portino lontano dalla folla. Probabilmente l’intenzione del massaggiatore era quella di allontanare l’agente, troppo vicino a Vingegaard. E da lì sarebbe nato il caos. Altre riprese video dell’alterco mostrano anche il responsabile delle comunicazioni della squadra, Ard Bierens, che tenta di calmare la situazione. Secondo il testimone oculare Marcelo La Gattina, un giornalista che ha pubblicato sui social le prime riprese video, riprese da CyclingNews, l’uomo poi non è stato arrestato, e ha potuto riprendere il suo lavoro, ma il momento è stato teso e spiacevole.

Un incidente simile si era verificato dopo l’undicesima tappa quando un massaggiatore della Cofidis era stato fermato dalla polizia oltre il traguardo mentre si complimentava con il vincitore Jesús Herrada. Anche Remco Evenepoel si è scontrato con un membro della polizia di Andorra dopo il traguardo quando ha vinto la terza tappa.

La polizia spagnola è in stato di massima allerta alla Vuelta di quest’anno: ha sventato un attentato con l’olio pianificato prima della terza tappa e ha arrestato un uomo per aver tentato di provocare un incidente nel tratto finale della settima.