Mondiali di Glasgow, per il primo mega-evento di ciclismo in arrivo un milione di visitatori

mondiali
Il pubblico ai mondiali di Wollongong nel 2022
Tempo di lettura: 3 minuti

La Scozia è pronta a ospitare per la prima volta nella storia un festival di 13 campionati del mondodal 3 al 13 agosto – in altrettante specialità ciclistiche: la maggior parte in programma a Glasgow. La Scozia si aspetta un milione di visitatori per i mondiali e un ritorno economico di 19,7 milioni a fronte di un investimento di 58 milioni di euro. Sarà il più grande evento ciclistico della storia, un mega-evento esclusivo dello sport della pedalata.

In Scozia si concentreranno più di 8.000 ciclisti dilettanti ed élite provenienti da più di 120 paesi e saranno più di 190 campioni del mondo: oltre alle più note strada e pista, vedremo specialità come BMX Freestyle, BMX da corsa, mountain bike, discesa in mountain bike, BTT Marathon, Paraciclismo su strada e Paraciclismo su pista. Il pubblico televisivo globale collocherà l’evento tra i primi 10 eventi sportivi più seguiti al mondo, rivaleggiando con i Giochi Olimpici e con quelli del Commonwealth e portando la Scozia sulla scena mondiale come destinazione per il ciclismo e il cicloturismo d’élite.

Cinque delle sedi saranno a Glasgow e le restanti località scozzesi includono Dumfries e Galloway, Stirling, Fort William, Glentress Forest, Edimburgo e Loch Lomond. Trudy Lindblade, CEO dei Mondiali di ciclismo, ha assicurato che la Scozia e le sue varie sedi sono pronte a garantire il successo delle “Olimpiadi” del ciclismo. «Non vediamo l’ora che arrivi agosto. I piani stanno andando molto, molto bene. È la prima volta che 13 mondiali si riuniscono in un unico evento. Non è un evento facile da realizzare, è complesso, ma anche emozionante. È la prima volta che si svolge e la Scozia è molto orgogliosa di ospitarlo. Quindi non vediamo l’ora di accogliere il mondo a Glasgow e in tutta la Scozia».

Città come la capitale, Edimburgo, dove si svolgerà la gara di fondo maschile, Stirling, nel cui monumentale castello sarà il traguardo della cronometro, e Glasgow, che segnerà il traguardo della maggior parte delle gare, stanno già vivendo da vicino l’evento. «Sappiamo che la Scozia è un paese molto orgoglioso, del suo patrimonio, del suo sport e dei suoi atleti. Sappiamo che il nostro paese accoglierà atleti e visitatori ai Campionati del mondo. Sappiamo che lo sosterranno. Ci sarà un mix di eventi gratuiti e altri a pagamento. Sarà una grande opportunità per coloro che non sono mai stati coinvolti nello sport del ciclismo prima di venire a conoscere tutto su questo eccellente sport», ha dichiarato Lindblade.

Uno degli scopi del mondiale 2023 è portare l’evento sia nelle piccole comunità che nelle grandi città, secondo il CEO. «È un’opportunità per quelle comunità di mostrare la Scozia al mondo e possiamo dimostrare che siamo una nazione ciclistica. Forse un giorno queste persone vorranno tornare e visitare il paese, o se stanno guardando la Coppa del Mondo in televisione verranno sicuramente qui e lo vedranno. ci visiteranno un giorno in futuro».

L’investimento scozzese è di circa 58 milioni di euro, ma il ritorno economico “sarà forte”, intorno ai 19,7 milioni. «Ci aspettiamo di ottenere un forte vantaggio economico da questo, ma non è solo il vantaggio economico che stiamo cercando. Sappiamo che le persone verranno a spendere i loro soldi negli hotel, nei ristoranti e nei bar e si godranno la Scozia, ma noi consideriamo anche i vantaggi sociali che i grandi eventi portano – ha detto Trudy LindbladePer noi si tratta di promuovere l’uso della bicicletta, sia per andare al lavoro o a scuola, sia per essere in forma o un giorno essere campioni del mondo. Quindi per noi è un questione sia economica che sociale, e sappiamo che questo è ciò che l’evento mondiale porterà in Scozia. Dobbiamo rendercene conto. Speriamo che questi eventi ispirino i ragazzi a diventare campioni come sir Chris Hoy o Katie Archibald. Vediamo se possiamo avere un campione scozzese in questi mondiali dove ci saranno 13 diverse discipline».