GIRO D’ITALIA 2023 / Unzué lancia Gaviria: «Può tornare grande a patto di fare ancora più sacrifici»

Unzué
Eusebio Unzué, team manager della Movistar
Tempo di lettura: < 1 minuti

Tra i grandi favoriti per la vittoria di oggi c’è sicuramente Fernando Gaviria, galvanizzato da una bella affermazione al Romandia. «Che sta bene è palese – commenta Eusebio Unzué, il grande capo della Movistar – Oggi è una delle poche chance che hanno i velocisti del Giro, mi auguro che sappia sfruttarla al massimo».

Eusebio, come descriveresti Fernando?

«Un talento purissimo e assoluto che tuttavia non deve mai abbassare la guardia: il ciclismo si sta intensificando sempre più e i sacrifici richiesti sono enormi».

Alla Uae sostenevano che ne facesse pochi.

«Io non c’ero, però può anche darsi. È un ragazzo esuberante e il ciclismo è uno sport duro. Con noi si sta comportando bene, ma deve continuare così».

Tornerà il grande sprinter di qualche anno fa?

«Difficile dirlo, ma non è semplice. Ci sono tanti velocisti forti e vedete anche voi quanto sia difficile trovarne uno che spicca sugli altri. Una cosa è certa: se tornerà grandissimo, sarà soltanto grazie a dei sacrifici enormi».

Tornerà a fare anche la pista?

«Ancora non è sicuro, ma credo proprio di sì. Può dargli brillantezza ed esplosività in volata».

Mentalmente è sereno?

«Sì, ma avrebbe bisogno di una vittoria importante come potrebbe essere quella di oggi per sbloccarsi. Le volate di oggi sono caotiche come non mai e lui non ha avuto nemmeno molta fortuna».

I velocisti non sono nemmeno aiutati dalla piega che ultimamente hanno preso le corse.

«Assolutamente no. Oggi vogliono tutti lo spettacolo, sembra che si corra solo per quello. Gli organizzatori hanno indurito i percorsi per andare incontro agli scalatori e agli attaccanti, ed ecco che gli sprinter inevitabilmente pagano dazio. Lo spettacolo c’è, è indubbio, ma in tanti stanno pagando un prezzo altissimo».