Roma, presentato alla Camera “Ercole Baldini. Una leggenda italiana”, libro in ricordo del grande campione

Baldini
Da sinistra l’onorevole Jacopo Morrone, forlivese amico della famiglia Baldini; il figlio Anselmo Baldini, detto Mino; Beppe Conti; e Roberto Mugavero, l’editore Minerva
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stato presentato ieri pomeriggio, durante una conferenza stampa alla Sala Stampa della Camera dei Deputati a Roma, il libro intitolato “Ercole Baldini. Una leggenda italiana” di cui è autore il giornalista e scrittore Beppe Conti e che è corredato dalle immagini storiche del grande fotografo Walter Breveglieri.

«Il primo dicembre 2022 – ha ricordato il parlamentare Jacopo Morrone, organizzatore dell’evento – il ciclismo italiano ha dato l’ultimo saluto a uno dei più grandi campioni di tutti i tempi, Ercole Baldini, orgoglio e leggenda dello sport del nostro Paese, della Romagna e di Forlì, sua città di origine. Lo ricordo come una luminosa figura di sportivo e di persona buona, leale e sorridente, modesto anche quando raccontava le sue prestigiose vittorie e le avventure della sua vita».

«Il libro ci parla di Baldini, soprannominato “Il treno di Forlí” da una canzone che gli aveva dedicato Secondo Casadei, suo conterraneo – ha aggiunto il parlamentare, auspicando che gli sia dedicata una tappa del Giro d’Italia 2024offrendoci uno spaccato di vita di un grande campione che, abbandonata la pratica agonistica durante la quale ha raggiunto vette indimenticabili, non fu da meno come tecnico del ciclismo, dirigente dello sport e imprenditore. Sono quindi molto orgoglioso di questa iniziativa che apre il sipario su una storia che vede protagonista una leggenda dello sport italiano, una storia che vorremmo fosse più conosciuta e su cui riflettere perché parla di valori a cui oggi siamo meno avvezzi e a cui dovremmo prestare più attenzione».

«Baldini non è stato solo una leggenda del ciclismo ma dello sport in senso generale” ha affermato Conti, che ha «scritto il libro perché l’aveva promesso al campione», di cui ha raccontato diversi aneddoti sulle tante vittorie del ciclista che nel 1956, ancora dilettante, vinse la medaglia d’oro alle Olimpiadi in Australia.

All’iniziativa erano presenti Vito Cozzoli, presidente e AD ‘Sport e salute SpA’; Roberto Mugavero, edizioni Minerva; l’autore Beppe Conti e uno dei figli di Baldini, Anselmo.