Lefevere spegne le voci su Evenepoel: «Remco alla Ineos? 0,00% di possibilità»

(foto: Press Zone Quick Step Alpha Vinyl/Tim de Waele/Getty Images)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Un interessamento di INEOS Grenadiers nei confronti del neo campione del mondo Remco Evenepoel? Il team manager di Quick-Step-Alpha Vinyl Patrick Lefevere è stato molto deciso al riguardo. In un’intervista pubblicata da Het Nieuwsblad dice testualmente: “È troppo stupido anche parlarne”. Mercoledì era stato più criptico con il quotidiano fiammingo Het Laatste Nieuws. «Se in un matrimonio qualcuno viene tradito dal suo partner, allora la persona coinvolta è sempre l’ultima a saperlo. Non dirò altro“.
Un giorno più tardi Lefevere parla invece di favole. “Ho firmato contratti per cinque anni, con Remco oltre che con Soudal, Quick-Step e Specialized. Anche Alaphilippe è bloccato per altri tre anni. Niente è vincolante nella vita, ma farò del mio meglio per mantenere quegli accordi. Non mi piace usare la parola ‘famiglia’ perché se sei sposato puoi sempre divorziare oggi, ma non ci sono intenzioni in questo senso“.

Lefevere smorza le voci su Evenepoel alla Ineos-Grenadiers: «La storia di fantasmi si è diffusa a macchia d’olio»

Sulle voci che erano circolate dice. “A quanto pare quella storia di fantasmi ha iniziato a diffondersi a macchia d’olio. E ha preso vita propria. Il mondo intero ha provato a chiamarmi. Tutto è in vendita, certo, ma datemi un motivo per cui il nostro capo (Zdenek Bakkala, ndr) dovrebbe vendere la sua squadra a un altro miliardario. Questo non accadrà. È troppo stupido. Non c’è una minima possibilità, 0,00 percento. Sarei stato felice che Remco e suo padre (Patrick Evenepoel è l’agente del figlio, ndr) mi chiamassero per rassicurarmi, ma in realtà volevo riderne con loro. Cenerò con Patrick giovedì e discuteremo di quello che succederà nelle prossime settimane: la festa a Bruxelles, quella gara a Binche e così via. Sia Remco che suo padre mi hanno detto di non credere alle voci di Ineos”.