Mondiali Wollongong 2022 / Francia, Madiot risponde alla polemica sulla parità dei diritti: «È una discussione infondata»

Marc Madiot in una foto d'archivio al Tour de France 2018
Tempo di lettura: < 1 minuto

Continua ad accendersi la polemica che ha scosso le acque del ciclismo francese e non solo. Al centro c’è la scelta di far volare da Parigi a Wollongong gli uomini elite in business class e tutti gli altri atleti, tra cui le donne elite, nella classe economy. Julian Alaphilippe e gli altri compagni della nazionale transalpina hanno potuto così godere di tutte le comodità possibili in volo, a differenza delle colleghe donne costrette ad avere meno vantaggi. Sul tema è intervenuto Marc Madiot, team manager della Groupama-FDJ: «Per me la polemica è infondata. È una polemica falsa. La Federazione ha chiarito che se il Campionato del Mondo di MTB si fosse svolto in Australia, avrebbe messo le donne in business class e gli uomini in classe economica».

Madiot replica alle critiche sulla trasferta francese ai mondiali di Wollongong: «È una discussione infondata»

«Perché la selezione maschile in business class? – prosegue MadiotSemplicemente perché negli ultimi due anni il campione del mondo è stato francese, ovvero Julian Alaphilippe. Questo è l’unico motivo per cui siamo in questa situazione». «La polemica dovrebbe essere altrove. Perché le Federazioni non hanno i mezzi per finanziare equamente i viaggi e si trovano nell’obbligo di fare scelte del genere? Perché le Federazioni non hanno i mezzi per mettere tutti in business class? Si dovrebbe discutere di questo».