Mondiali Wollongong 2022 / Evenepoel, paura e terrore: attaccato da una gazza australiana in allenamento

Remco Evenepoel dopo l'arrivo della tappa di Alicante, alla Vuelta (foto: Unipublic / Charly Lopez)
Tempo di lettura: 2 minuti

Gymnorhina tibicen, un nome che sembra uscito da un racconto spaventoso. Come la serie dei “Piccoli Brividi” la quale sigla diceva: “Stai attento, stai per prenderti uno spavento!“. Tradotto: gazza australiana. Un nome che non dimenticherà mai uno dei favoriti per la vittoria iridata. Infatti si è trovato in una situazione simile, tra paura e terrore, Remco Evenepoel durante l’allenamento di ricognizione sul percorso della cronometro di Mondiali Wollongong 2022. Una razza di uccelli che attacca spesso ciclisti e pedoni in Australia e che oggi ha colpito un nome illustre. Le sensazioni traumatiche di Re Remco, su quibicisport.

Remco Evenepoel attaccato da una gazza australiana: uccelli molto pericolosi, attimi di terrore per il belga

Evenepoel ha descritto così quegli attimi di paura e terrore, ai microfoni di Het Nieuwsblad: “È stato un brutto spavento. L’uccello è arrivato all’improvviso sopra la mia testa. Il tutto è stato molto terrificante. Ma questa è l’Australia, a quanto pare. Spero sia l’unica volta, ma ora ho paura di queste gazze“.

Parlando nel dettaglio delle gazze australiane, si tratta di uccelli schivi che vivono in gruppi ristretti composti dai tre ai dieci esemplari a 10 e la cui grandezza varia dai 37 ai 43 centimetri. Native dell’Australia e della Nuova Guinea, queste gazze sono presenti anche in Nuova Zelanda e nelle Isole Fiji. Il loro habitat ideale sono gli alberi di eucalipto, ma nelle città australiane possiamo incontrarle nei parchi cittadini, nei campi da golf o nei viali alberati dei quartieri residenziali. Ed è proprio in questi ambienti che diventano pericolose.

Remco sulle sue prospettive, in vista di domenica, si è espresso in questi termini a Het Nieuwsblad: “Sono molto contento della regolarità che dimostro nelle prove a cronometro di questa stagione. La mia peggiore prestazione è stata un secondo posto. Se posso ripeterlo domenica, sarebbe molto bello. Tutto dipenderà dal mio stato di forma di quella giornata. Sono abbastanza fiducioso a riguardo: quello che ho provato in allenamento oggi (venerdì, ndr) mi dà molte convinzioni. Comunque, non c’è molta pressione per me. La mia stagione è già passata“.