Ciclomercato, i colpi delle ultime ore: spiccano i trasferimenti di Kragh Andersen e Merlier, ma quanti volti nuovi nel World Tour. Tra le donne cambiano maglia Wiebes e Paternoster

Merlier
Tim Merlier, uno dei protagonisti del ciclomercato odierno, alla Tirreno-Adriatico 2022 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: 2 minuti

Sono giorni intensi per il ciclomercato, viste le tante formazioni molto attive per arricchire il proprio organico per la prossima stagione. Si cercano corridori in rampa di lancio, esperti, giovani talenti e gregari: è un mercato molto aperto. I trasferimenti che hanno fatto più rumore sono quelli di Tim Merlier e Soren Kragh Andersen, tra gli uomini, e Lorena Wiebes e Letizia Paternoster tra le donne. Merlier resta in una formazione di casa (belga) passando alla Quick-Step Alpha Vinyl dalla Alpecin-Deceunick e a quest’ultima va Kragh Andersen che lascia il Team DSM dopo ben sette anni. Va via dalla DSM anche Wiebes, per sbarcare in un’altra corazzata belga, quella femminile: la SD Worx. Mentre Paternoster ha firmato un biennale con la BikeExchange-Jayco, dicendo addio alla Trek-Segafredo.

Al maschile la BikeExchange perde una pedina importante per gli sprint: Kaden Groves. L’australiano, uno dei velocisti più talentuosi per il futuro, approda alla Alpecin-Deceuninck, per sostituire probabilmente Merlier. Nella squadra belga di Philipp Roodhoft arriva anche un corridore importante soprattutto in ottica ciclocross: Quinten Hermans dalla Intermarché Wanty-Gobert. E vestirà fin da subito la maglia rossoblu della Alpecin anche l’azzurro Nicola Conci, che torna alle competizioni dopo la sospensione della Gazprom-RusVelo. La Quick-Step, protagonista nel ciclomercato odierno, oltre all’ingaggio di Merlier, ha fatto sue due mine vaganti come Jan Hirt, dalla Intermarché, e Casper Pedersen, dal Team DSM.

Ma sono tanti i volti nuovi del World Tour dalla prossima stagione, a partire dai numerosi ragazzi che arrivano alla Groupama-FDJ dalla formazione “development” della stessa. A partire dal campione italiano U23 Lorenzo Germani e le due stelle francesi Lenny Martinez e Romain Gregoire. Con loro passano professionisti anche Enzo Paleni, Laurence Pithie e Samuel Watson. Un altro talento molto attesso e che dall’anno prossimo troveremo in gruppo è Thibau Nys, figlio del grande ciclocrossista Sven, ma già pronto a togliersi quest’etichetta. Proviene dalla Baloise Trek Lions, squadra di cross, e vestirà la maglia della Trek-Segafredo. Un altro talentuoso giovane atleta che approderà tra i pro’ è Jan Christen, dal Pogi Team (la squadra giovanile sostenuta da Pogacar) alla UAE Team Emirates. In Svizzera, suo Paese natio, è già una stella: campione nazionale a cronometro, su pista, nel ciclocross e nella mountain bike. Infine è giunto anche quest’anno il primo Junior a passare professionista saltando a piè pari la categoria Under 23. È il 18enne gallese Josh Tarling che dalla prossima stagione vestirà la maglia della Ineos Grenadiers.