Reggisella telescopico Mohoric, il retroscena: passando da Basso a Nibali, la rivoluzione FSA continua con una vittoria monumentale (VIDEO)

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo aver letto con piacere gli articoli dedicati alla storica vittoria di Mohoric alla Sanremo, FSA racconta i retroscena di una scelta tecnica rivoluzionaria: scopriamo di più in questo focus tecnico sul reggisella telescopico Mohoric.
FSA non si limita a sponsorizzare team e corridori di livello mondiale, ma lavora a stretto contatto con loro e per sviluppare prodotti sempre innovativi e fornire ai propri atleti prodotti che contribuiscono a migliorare le proprie performance.

Da tempo l’azienda crede nei vantaggi di questo accessorio, anche nel mondo ROAD. I primi test per un reggisella regolabile dedicato alle competizioni su strada risalgono addirittura al 2011, tra gli atleti che hanno adottato questa soluzione ci sono Ivan Basso e successivamente Vincenzo Nibali proprio durante il Giro d’Italia del 2016. L’introduzione di questo sistema è stato possibile soprattutto grazie alla modifica del regolamento UCI richiesta proprio da FSA nel 2014, che permette l’utilizzo in gara di reggisella regolabili con un’escursione massima di 5 cm.

Reggisella telescopico Mohoric: dal 2011 a oggi la rivoluzione di FSA

Chiaramente dal 2011 ad oggi il mondo del ciclismo è stato completamente rivoluzionato e, nel caso specifico, il dropper pensato inizialmente è completamente diverso a livello di funzionamento rispetto a quello usato alla SANREMO, ma quello che invece è rimasto invariato è il comprovato beneficio che ci ha spinto a continuare a percorrere questa strada. Matej è stato in grado di fare la differenza nel tratto in discesa sfruttando la possibilità di abbassare il proprio baricentro e quindi modificare il suor assetto in bici, rendendolo non solo più aerodinamico, ma anche di caricare maggiormente il retrotreno, incrementando la stabilità e riuscendo ad avere molta più velocità in uscita. I dati di velocità massima e tempo di percorrenza sono la prova che il sistema offre dei vantaggi tangibili.
Video discesa Poggio

Tuttavia per necessità legate all’integrazione con il telaio del partner tecnico MERIDA, e la richiesta di Matej di avere un comando a molla in una posizione pratica, senza allentare la presa sul manubrio, ha fatto propendere la scelta su una soluzione con escursione da 5cm disponibile sul mercato, scelta avallata da FSA. Matej si è dimostrato un campione anche sceso dalla bici ringraziando pubblicamente, oltre al partner tecnico Merida anche FSA come gesto di gratitudine per il lavoro di sviluppo iniziato sin dallo scorso inverno.
Il test invernale di Mohoric

La prima parte del test di Mohoric con il reggisella telescopico
La seconda parte del test di Matej Mohoric

https://www.visiontechusa.com/it/