Acquadro fiducioso sul recupero di Bernal: «Egan come Pantani. È forte mentalmente, uscirà da questa brutta situazione»

Acquadro
Giuseppe Acquadro in una foto d'archivio
Tempo di lettura: 2 minuti

Tra i tanti messaggi di vicinanza del mondo del ciclismo e dei tanti tifosi sparsi per il globo, non poteva certo mancare quello di Giuseppe Acquadro, procuratore di Egan Bernal fin dai tempi dell’Androni Giocattoli Sidermec. È stato lui a scoprirlo insieme a Gianni Savio e per questo condivide con lui un legame che va oltre quello professionale.

Intercettato da CyclingNews, Acquadro si è mostrato ottimista sulle possibilità di recupero del colombiano, attualmente ricoverato alla Clínica Universidad de La Sabana. «So che l’operazione è andata bene ed Egan si trova in terapia intensiva. È in buone mani, l’ospedale di Bogotà si prenderà cura di lui. È un duro colpo da accettare perché non vedeva l’ora che iniziasse la nuova stagione. Puntava forte al Tour de France e alla sfida con Pogacar e Roglic. Io però lo conosco, è una persona che non si arrende mai. Reagirà e recupererà: noi saremo al suo fianco per aiutarlo».

Le parole di affetto hanno commosso lo stesso Acquadro, che ha avuto modo di ricordare il rispetto di cui gode Bernal in gruppo e fuori. «Egan è un bravo ragazzo e la gente lo vede. Fa molto per aiutare le altre persone, anche dietro le quinte. Rispetta i suoi rivali e loro lo rispettano: sono sicuro che tutto il supporto che sta ricevendo in queste ore gli sarà di grande aiuto. Ogni corridore conosce i pericoli dell’allenarsi su strada e purtroppo in molti hanno vissuto episodi simili. Sono cose che accadono, ma che preferiremmo non sentire mai».

Il pensiero non può poi che andare sui grandi ex campioni che hanno subito infortuni così gravi. L’ultimo in ordine cronologico è senza dubbio Chris Froome, ma Acquadro ci tiene a fare il nome di Marco Pantani, vittima nel 1995 di un incidente che lo ha tenuto lontano dalle corse per oltre un anno.

«Bernal e Pantani sono nati lo stesso giorno e hanno sofferto simili infortuni. Speriamo che Egan si riprenda bene come ha fatto Marco e continui ad avere lo stesso successo di prima. Egan è forte mentalmente e sono sicuro uscirà presto da questa situazione».