Vini Zabù lascia Citracca e guarda al WorldTour. Vicino l’accordo con la Intermarché

Vini Zabù
La Vini Zabù schierata al foglio firma della Tirreno-Adriatico 2021 (foto: LaPresse)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Non è il solo ciclomercato dei corridori a tenere banco in questo finale di stagione, ma anche il movimento degli sponsor. La Qhubeka, come sappiamo, potrebbe non rinnovare la licenza WorldTour e sparire definitivamente dal mondo del ciclismo, una perdita importante visto l’impegno concreto per l’Africa della squadra di Douglas Ryder.

La notizia è che l’azienda vinicola Vini Zabù, dopo la fine della sponsorizzazione alla professional italiana guidata da Angelo Citracca, potrebbe entrare nella “Serie A” del ciclismo affiancando la Intermarché-Wanty-Gobert. Così come accade per Vini Fantini e la Israel StartUp-Nation, il nome della squadra belga non dovrebbe cambiare, ma sulle maglie potrebbe apparire il marchio della galassia Farnese.

Un accordo importante, favorito dall’intermediazione di Valerio Piva, per l’azienda vinicola di Valentino Sciotti che ormai da anni è impegnata nella sponsorizzazione di squadre ciclistiche. Due gli italiani sicuri del posto in squadra per il 2022, vale a dire Andrea Pasqualon e Lorenzo Rota.