GIRO D’ITALIA U23 / Ayuso scatenato: a Sestola più veloce di 20″ rispetto a Bernal

Juan Ayuso festeggia sul podio la maglia rosa del Giro d'Italia U23 (foto: Giro d'Italia U23 Press Office)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Nel giro di un mese, Sestola è diventata un test importante per i corridori. Prima è toccato ai professionisti impegnati nel Giro d’Italia, quando Joe Dombrowski si impose e Alessandro De Marchi si prese la maglia rosa. Nel gruppo dei migliori brillarono Egan Bernal, Mikel Landa e Giulio Ciccone. Ieri, invece, è stata la volta del Giro d’Italia Under 23. A dominare la tappa ci ha pensato Juan Ayuso, alla sua seconda affermazione in questa competizione. Ma è possibile fare un confronto tra le due frazioni?

Ayuso stellare

Sorprendono i tempi di scalata. Infatti il corridore della Colpack-Ballan ha concluso la sua ascesa con il cronometro di 13’41”. Per rendere l’idea, Egan Bernal, allo scorso Giro d’Italia, si era fermato a 14’01”. Impressiona dunque il talento dello spagnolo, protagonista assoluto della rassegna Under 23, nonostante abbia solamente 18 anni. Difficile, però, fare un confronto più approfondito. Del resto sono diverse le altimetrie delle due tappe, così come la lunghezza del percorso. Ieri sono stati 142 i chilometri percorsi, contro i 187 della frazione del Giro d’Italia. Dunque resta la prestazione straordinaria di Ayuso, anche se il paragone con Bernal è piuttosto complicato.