Alpecin-Fenix: «Crisi di Van der Poel inaspettata». Ma Mathieu: «Al Fiandre sarà diverso»

Mathieu Van Der Poel sconsolato al termine della gara. Il 26enne olandese, spera in un riscatto domenica al Fiandre
Tempo di lettura: < 1 minuti

Sembrava tutto facile per Mathieu Van der Poel alla Dwars door Vlaanderen 2021. Poi negli ultimi chilometri si è spenta la luce e l’olandese della Alpecin-Fenix non è riuscito nemmeno a disputare la volata per i piazzamenti sul podio dietro al vincitore Dylan Van Baarle. E inevitabilmente si addensano i dubbi in vista del Giro delle Fiandre previsto per domenica.

Van der Poel: che sorpresa

Il risultato negativo di Van der Poel ha lasciato di sasso anche i suoi compagni di squadra. Tim Merlier ha chiuso al terzo posto dopo il via libera ricevuto proprio dal campione olandese, ma al termine della gara non ha proprio nascosto lo stupore. Così al giornale Het Nieuwblad: «Quando Mathieu è venuto da noi, ha detto che non si sentiva in forma. All’inizio pensavo stesse scherzando, ma purtroppo non era così».

Ammissione

La conferma di questa notizia è arrivata dalle parole dello stesso Van der Poel al sito Wielerflits: «Non avevo le gambe. Ma non ne traggo alcuna conclusione per il Giro delle Fiandre. Non era davvero la mia giornata. Tutta colpa del caldo? Potrebbe essere, non mi piace il caldo. In ogni caso, avevo cibo e bevande a sufficienza, non era questo il problema». Però, nessuna preoccupazione in vista del Giro delle Fiandre: «Per quale motivo il mio scarso rendimento dovrebbe essere un brutto segno per la gara di domenica? Guardate Wout Van Aert. Non è stato convincente nell’E3 Saxo Bank Classic, ma poi lo vedi vincere in modo convincente Gand-Wevelgem due giorni dopo. Domenica farà anche meno caldo di oggi».