Vandenabeele, il futuro è già programmato: «Quest’anno punto su Liegi e Avenir, nel 2023 il mio primo grande Giro»

Vandenabeele (a sinistra) e Van Gils al Giro del Friuli 2020.
Tempo di lettura: 2 minuti

Se qualcuno vuole un esempio di programmazione guardi in casa Henri Vandenabeele (classe 2000, Belgio) una delle sorprese della stagione tra gli Under 23, capace di salire sul podio al “Giro Baby” (secondo alle spalle del solo Pidcock) e alla Ronde de l’Isard (terzo, ma ha vinto una tappa, la classifica a punti e quella degli scalatori) e capace di conquistare anche la maglia di miglior giovane al Giro della Regione Friuli Venezia Giulia.

Il classe 2000 belga ha lasciato il vivaio della Lotto firmando per tre anni per la Sunweb (ormai da un paio di giorni il Team DSM): con la squadra olandese correrà quest’anno nel team sviluppo e per i prossimi due anni nella massima categoria. Da Lotto a Sunweb come in precedenza altri due corridori belgi: Tiesj Benoot e soprattutto Ilan van Wilder, suo coetaneo ed ex compagno di squadra proprio nella Lotto Under 23

«Sono contento di ritrovarmi in squadra con Ilan con il quale correvo alla Lotto nel 2019, ma sono contento anche che troverò Tiesj Benoot: mio fratello (classe ’95 attualmente in una squadra amatori in Belgio, ma ex corridore N.d.A.) lo conosce bene ed entrambi mi hanno spinto in direzione Sunweb. Volevo restare un altro anno tra gli Under 23 per crescere ancora, potevo farlo anche alla Lotto, oppure alla Jumbo Visma, ma qui in Sunweb c’è un altro metodo: ti seguono di più in termini di dieta, posizione sulla bici, altri aspetti. Alla Lotto sei più solo in questo. Nel 2021 i miei obiettivi sono Liegi e Tour de l’Avenir. Voglio vincere qualcosa prima di passare professionista e se sarà possibile dare una mano alla mia nazionale sia al Fiandre che al Mondiale anche se le pitre non mi si addicono. Per il futuro abbiamo già in programma di progredire come scalatore: nel 2022 correrò Romandia o Giro della Svizzera, nel 2023 farò il mio debutto in un grande Giro». Le parole di Henri Vandenabeele riprese da DirectVelo.