Strade Bianche, Zana pronto ad anticipare: «Sarà una gara a eliminazione, conosco il percorso e posso trarne vantaggio»

Zana
Filippo Zana uno degli italiani presenti oggi alla Strade Bianche 2024
Tempo di lettura: < 1 minuto

Alla partenza della Strade Bianche, Filippo Zana è piuttosto tranquillo e concentrato, consapevole che lo aspetta una giornata impegnativa, ma anche che la forma è buona e ci sono possibilità di fare bene.

Filippo, come arrivi a questa corsa?

«Direi in buone condizioni, tutto sommato mercoledì al Laigueglia ho avuto buone sensazioni, anche se avevo le gambe un po’ imballate essendo appena tornato dall’altura. Ma la preparazione si è svolta senza intoppi, quindi spero di fare bene».

Dopo un grande 2023, quest’anno parti con un maggiore consapevolezza nei tuoi mezzi?

«Sicuramente questa è una gara che mi piace e come dicevo ci arrivo bene, ma preferisco rimanere prudente, anche perché possono esserci mille imprevisti. Comunque ho già corso qui negli ultimi anni e quindi conosco bene il percorso: spero di trarre vantaggio da questo».

A proposito di percorso, cosa cambia con l’introduzione del circuito finale?

«Cambia tutto, perché sono 35 km in più e quasi 1000 m di dislivello in più. Difficile fare previsioni, però, perché è una cosa nuova per tutti. Vediamo come si evolverà la gara».

Come si battono Pogacar e Pidcock?

«Sicuramente cercheremo di anticipare, può essere una buona strategia. Credo, però, che verrà fuori una gara a eliminazione, sarà ancora più tosta degli altri anni anche perché lo sterrato sarà bello bagnato».