Federciclo. Martinello stupito dalla facile assoluzione a Dagnoni di Malagò

Martinello
Silvio Martinello in una foto d'archivio al Giro d'Italia
Tempo di lettura: < 1 minuto

«Probabilmente il presidente Malagò era distratto dalla vicenda Barelli, che da quello che leggo si basa su sospetti, ed ha sottovalutato i problemi reali di una gestione superficiale ben evidente». Così si è espresso Silvio Martinello dopo aver conosciuto le parole di Malagò al termine della giunta.

«Dispiace – ha poi continuato – che l’ente preposto a controllare il corretto comportamento delle Federazioni non abbia valutato la gravità del tentativo di mettere in atto un serio danno alla Federazione. Tentativo che non è andato a buon fine solo grazie all’attento e responsabile controllo del vice presidente Norma Gimondi. E ciò nonostante si è cercato comunque di realizzare il piano».

Martinello ha poi confermato che nella prossima riunione di giunta, il 18 ottobre, la Gimondi relazionerà la giunta sui comportamenti della Federazione pur avendo già avuto grandi attestazioni di comprensione e di stima.