PRESTIGIO / Guzzo e la Zalf sempre più al comando delle classifiche. Il CT Friuli scavalca la Colpack in attesa del Liberazione

Palio del Recioto
Il gruppo del Palio del Recioto 2022 (foto: Photors.it)
Tempo di lettura: < 1 minuti

È stata una due giorni di altissimo livello tra le strade del Veneto. Prima a Villa di Villa con il Giro del Belvedere e successivamente a Negrar con il Palio del Recioto, i migliori Under 23 di tutto il mondo si sono sfidati per il successo di due classiche internazionali davvero di livello. Il francese Romain Gregoire si è preso la scena in entrambe le prove, lasciando agli avversari solamente le briciole.

Eccezion fatta per pochi corridori, l’Italia non è stata grande protagonista e le classifiche del Prestigio Bicisport non hanno subito troppi scossoni. Federico Guzzo e la Zalf Euromobil Dèsirèe Fior si confermano sempre più leader della Challenge grazie al secondo posto del Belvedere, a cui si unisce il quarto di Davide De Pretto e il sesto di Samuele Raccani, quest’ultimo però al Recioto.

Guzzo, già vincitore di Firenze-Empoli e San Vendemiano, estende il suo vantaggio in classifica portandosi a 45 punti, ben 23 in più di Davide Persico che insegue. Nella graduatoria a squadre la Zalf con 81 punti (ben 30 in più della seconda) fa capire fin da subito che rispetto allo scorso anno le cose sono decisamente cambiate.

Continua il momento non eccezionale della Colpack-Ballan, che segna 0 punti nelle due prove. Il team bergamasco viene scavalcato dal Cycling Team Friuli grazie al quarto posto ottenuto da Davide de Cassan al Recioto. Entrano in classifica anche Davide Piganzoli (5° a Negrar), Martin Nessler del Sissio Team (10°) e Lorenzo Germani (7° al Belvedere).

Ora, con la classifica del Prestigio decisamente più delineata, il grande gruppo degli Under 23 attende il Gran Premio Liberazione, in programma il prossimo 25 aprile a Roma. Al via ci sarà Persico, che avrà un’opportunità importante per ricucire il gap con Guzzo.

PER LE CLASSIFICHE COMPLETE CLICCARE QUI.