CICLOMERCATO: la EF-Nippo scommette su Chaves, Saligari: «È la sua ultima occasione. Bettiol? Può vincere anche la Sanremo, ma è discontinuo»

EF-Nippo
La EF-Nippo schierata alla partenza del Tour de France 2021 (foto: A.S.O./CharlyLopez)
Tempo di lettura: 2 minuti

Una delle squadre che ha lavorato maggiormente in silenzio sul ciclomercato è la EF-Nippo. Il team statunitense, dopo aver confermato Alberto Bettiol e Magnus Cort Nielsen, ha provato a dare l’assalto a diversi corridori, portando a casa probabilmente meno di quello che si poteva aspettare.

Senza alcun dubbio spicca l’ingresso in squadra di Esteban Chaves, talento mai espresso che ha deciso di lasciare la BikeExchange (ex Mitchelton-Scott) dopo ben otto stagioni. Interessanti gli arrivi dei neo-professionisti Healy, Quinn e van den Berg. Ne parliamo con Marco Saligari, che su quibicisport.it commenta il mercato di tutte le formazioni WorldTour.

Saligari, partiamo da Chaves. Ti convince questo acquisto della EF?

«Sinceramente no. Non so davvero cosa sia successo a questo ragazzo che nel 2016 sembrava potesse spaccare il mondo. È giusto che abbia cambiato squadra perché alla BikeExchange c’era qualcosa che non funzionava, ma la EF-Nippo si è presa un bel rischio».

Credi possa tornare competitivo?

«La vedo difficile. Ha ormai 31 anni e i colombiani sono noti per “invecchiare” ciclisticamente parlando molto prima. Non è riuscito mai a ripetere le prestazioni di quel famoso Giro e di quel famoso Lombardia».

Vista la tua conoscenza del ciclismo giovanile, come giudichi i tre neo-pro acquistati?

«Su Quinn ho qualche dubbio, mentre su Healy e Van den Berg sono convinto che la EF-Nippo abbia fatto un gran colpo. Il primo ha vinto una tappa al Giro d’Italia U23 andando all’attacco con coraggio, mentre il secondo ha fatto sue ben due tappe e la classifica a punti del Tour de l’Avenir. Lui lo terrei sotto la lente d’ingrandimento».

In squadra è presente anche Bettiol. Come giudichi la sua stagione e cosa aspettarci da lui nel 2022?

«Bettiol è un corridore particolare. Ha i numeri per vincere dieci corse a stagione, ma per un motivo o per un altro non riesce a dare continuità ai suoi risultati. Non si vince un Fiandre per caso, ma allo stesso tempo è assurdo che dopo quel capolavoro Alberto ci ha messo due anni a ripetersi conquistando una tappa al Giro».

Quindi?

«Quindi è un’incognita. Magari vince la Sanremo, magari non vincerà nemmeno una corsa di secondo o terzo piano».

EF-NIPPO: entrate e uscite

Entrate:Esteban Chaves (BikeExchange)
Owain Doull (Ineos)
Odd Christian Eiking (Intermarché)
Ben Healy (Neo Pro)
Merhawi Kudus (Astana)
Sean Quinn (Neo Pro)
Georg Steinhauser (Neo Pro)
Marijn van den Berg (Neo Pro)
James Shaw (Ribble Weldtite)
Lukas Wisniowski (Qhubeka)
Uscite:Will Barta (Movistar)
Fumiyuki Beppu (Ritiro)
Lawson Craddock (BikeExchange)
Mitchell Docker (Ritiro)
Sergio Higuita (Bora)
Moreno Hofland (Ritiro)
Tejay Van Garderen (Ritiro)