Mitchelton-Scott in dubbio per la Vuelta di Spagna

Tour tappa 6 Mitchelton-Scott
Il gruppo del Tour de France tirato dal team Mitchelton-Scott (Foto: A.S.O/Pauline Ballet)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Dopo essersi ritirati dal Giro d’Italia a causa di cinque casi di positività al Covid-19 all’interno della squadra, il team Mitchelton-Scott sta valutando la propria partecipazione alla Vuelta di Spagna. L’ultimo grande giro della stagione partirà il prossimo venti ottobre e la dirigenza prenderà una decisione nelle prossime 48 ore.

Il direttore generale della formazione australiana, Brent Copeland, ha parlato a Cyclingnews di una posizione socialmente responsabile. Se i casi positivi in Spagna continueranno a salire e lo staff e i corridori si sentono a disagio, la Mitchelton-Scott non prenderà parte alla Vuelta 2020.

«I numeri in Spagna sono in rapido aumento. Stiamo valutando, vediamo cosa succederà tra oggi e domani. Ciò che è certo è che non vogliamo ritrovarci nella stessa situazione del Giro. Noi ovviamente vogliamo partire ma tra di noi c’è una certa insicurezza. Portare i tuoi corridori e il tuo staff e metterli in un’area in cui ci sono molte persone colpite da questo virus diventa una decisione difficile. Bisogna prendersi le proprie responsabilità sociale da un punto di vista etico. Stiamo guardando anche a quello e domani ne discuteremo a livello dirigenziale con Gerry Ryan e Darach McQuaid. Abbiamo atleti e personale che hanno mogli, partner che sono incinte e che hanno bambini piccoli. Portarli lontano dalle loro famiglie e metterli in quarantena negli hotel non sarà facile. Allo stesso tempo abbiamo la visibilità da considerare per gli sponsor, anche se tutto passa in secondo piano quando si tratta di salute».