«Sono stato da cani, ma un sardo non molla»

Tempo di lettura: < 1 minuti

E’ finita, Aru sorride. E al nostro inviato confessa qualcosa che esalta ancora di più il suo carattere «Tutto è cominciato alla vigilia di Imola. Svuotamento e dissenteria. In certi momenti faticavo a tenere le ruote. Poi, il giorno nero del Mortirolo e la rinascita finale»