Bicisport di dicembre 2023

Abbiamo passato un giorno a casa di Antonio Tiberi, il talento italiano più promettente per le grandi gare a tappe. Reduce da un buon finale di stagione tra Vuelta e Lombardia, il laziale è chiamato ad un salto di qualità. La Bahrain-Victorious sembra la squadra giusta, vista anche la partenza di Landa, che ha firmato per la Soudal di Evenepoel. Caruso gli insegna i trucchi del mestiere, Pellizotti lo guida dall’ammiraglia e il Giro lo aspetta: forza, Antonio! Alla corsa rosa ci sarà anche Wout Van Aert, finalmente libero di potersi misurare nella classifica generale. Scelta giusta o sbagliata? Cosa cambierà nella sua stagione? Fino a dove può arrivare? Gli addetti ai lavori si dividono: Silvio Martinello crede nelle chance del belga di strappare un bel piazzamento, Michele Bartoli invece è scettico. “El Diablo” Chiappucci senza peli sulla lingua: ecco il 2024 che ci aspetta. Ganna dovrà fronteggiare tante pressioni, Ciccone può puntare al podio del Giro, Formolo ha perso tanto tempo ma forse è ancora in tempo per rilanciarsi alla Movistar. E poi, ecco le risposte dei diretti interessati: Ciccone sogna ancora di fare classifica, Formolo è più motivato che mai e Cioni svela che Ganna sta pensando alla maglia ciclamino del Giro. Inchiesta elite: perché il ciclismo (italiano, ma non solo) considera vecchi corridori di 24 o 25 anni? Le testimonianze di Ballan e De Marchi, il punto di vista di un procuratore come Johnny Carera, la puntualizzazione di un team manager come Roberto Reverberi, gli spunti di Cassani e il bilancio conclusivo del cittì degli Under 23, quel Marino Amadori che non risparmia mai critiche (costruttive) al movimento. Ma come si sta preparando Firenze alla partenza del Tour de France 2024? Ce lo racconta Alberto Polverosi. E ancora un duro attacco di Moser all’Uci e alle storture del ciclismo contemporaneo, un ricordo di Beppe Conti sul Tour in Italia e una lunga intervista con Stefano Garzelli tra Pantani, il Giro d’Italia e una carriera lunga e brillante.

L’Annuario del Grande Ciclismo 2023

In edicola troverete anche l’Annuario del Grande Ciclismo 2023. È il “fotoromanzo” della stagione con centinaia di splendide foto e il diario quotidiano di tutte le notizie. Il pratico indice finale vi permetterà di rintracciare velocemente tutti i protagonisti. Un’opera unica nel panorama dell’editoria sportiva, per veri appassionati di ciclismo, da sfogliare e conservare nel proprio archivio.

IN COPERTINA

Ehi, Tiberi sei pronto? Ti stiamo aspettando

Un giorno a casa del laziale, il talento italiano più promettente per le gare a...

Aiuto! Al Giro troveremo “il figlio del fango”

Sfida molto suggestiva, quella di Van Aert, che parteciperà al prossimo Giro d’Italia puntando a...

C’è qualcosa di strano tra Van Aert e Van der Poel

È la rivalità per eccellenza del ciclismo contemporaneo. Ciclocross, gravel o strada non fa nessuna...

Chiappucci su Remco: «Lasci stare i grandi Giri»

Claudio adora il ciclismo di oggi, ma gli piace (come sempre) pungere. Dice che Van...

Moser duro contro l’Uci: «Troppi soldi, così non va!»

Ecco un’analisi molto seria del trentino sui costi esagerati e il difficile futuro di uno...

Elite: quale orizzonte?

Quello del futuro degli elite è un tema delicato e discusso e Bicisport, con questa...

Caro Tour… Bentornato!

Siamo tutti in attesa del fantastico giorno in cui il Tour partirà da Firenze diretto...

Quel cicchetto di Pantani che Garzelli non dimentica

Ecco un altro divertente incontro di Tony Lo Schiavo: Stefano Garzelli. Quattordici anni nelle categorie...

Facebook Posts

chiudi

OFFERTA SPECIALE: SITO ILLIMITATO A PARTIRE DA 3,99€ AL MESE
LEGGI TUTTI GLI EXTRA! E TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE ABBONATI ORA