BS BIGSHOT / Da Coppi-Bartali a Merckx-Gimondi, fino a Van Aert-Van der Poel: dieci rivalità leggendarie nella storia del ciclismo

Tempo di lettura: < 1 minuto

Se non nascessero spontaneamente bisognerebbe inventarle. Da sempre il ciclismo vive sulle grandi rivalità, quelle che fanno discutere, che aggiungono pepe alle grandi corse e dividono i tifosi.

L’Italia ne è forse l’esempio più eloquente, perché fu percorsa da grandi duelli ciclistici fin dalle origini. Prima Girardengo-Binda, poi Binda-Guerra, fino ad arrivare alla rivalità per antonomasia, quella tra Bartali e Coppi, entrata nel costume e nella storia nazionale.

A volte si tratta di un testa a testa più o meno ad armi pari. In altre occasioni sembra più la caccia testarda di Achab a un’irraggiungibile balena bianca, vedi GimondiMerckx (nella foto) o PoulidorAnquetil. E di solito, dietro alle battaglie in bicicletta, alle liti e ai dispetti si cementa piano piano tra i duellanti una stima malcelata, quella che si deve ai grandi “nemici”.

Nelle dieci immagini che seguono, ripercorriamo le più grandi rivalità dal dopoguerra a oggi, a partire, ovviamente, da Gino e Fausto.

SCORRI LE FOTO QUI SOTTO…