Bicisport di giugno 2021

Abbiamo ancora tutti negli occhi e nel cuore le emozioni della corsa rosa appena finita. Quante magnifiche storie ci ha regalato! A partire da quella di Egan Bernal, che nella prima parte del Giro domina e nella seconda amministra. La sua vittoria ha conquistato tutti, però i suoi problemi alla schiena sono ancora concreti: stia attento! Grande prova della Ineos, ma Franco Cribiori non ci sta: Ganna e Moscon, alzate la voce, non potete fare i gregari a prescindere! Dietro al colombiano c’è Damiano Caruso, il volto sportivo italiano del mese di maggio. Tutto il paese lo ha tifato e spinto sul secondo gradino del podio. Non è mai andato così forte e la sua storia viene da lontano. Non ha convinto invece la Deceuninck-Quick Step: perché sacrificare Almeida, visto e considerato che il giovane rientrante Evenepoel non dava garanzie sulle tre settimane? Il belga chiude il primo grande Giro della carriera con un ritiro, ma la sua non è una corsa da buttare: ha dimostrato talento e caparbietà. Sentiamo a riguardo il parere di Mario Cipollini. La Trek-Segafredo ha lottato contro la sfortuna: quella di Nibali, che ha scontato i giorni di riposo forzato prima della gara in virtù dell’infortunio al polso, e quella di Ciccone, uno dei più pimpanti per due settimane e purtroppo ritiratosi dopo Sega di Ala per via di una caduta. Facciamo il punto con Luca Guercilena. E ancora la stupenda maglia rosa di De Marchi, la scoperta di una nuova “voce” del ciclismo, quella di Giada Borgato, e l’impresa sullo Zoncolan di Lorenzo Fortunato, il primo italiano a vincere lassù dai tempi di Ivan Basso, il suo attuale team manager. E infine ecco il Giro visto con gli occhi di Beppe Conti, che ogni giorno sul sito quibicisport.it ha alimentato dibattiti e discussioni con le sue brillanti osservazioni. Archiviato il Giro, ecco la versione riservata ai dilettanti, con Ayuso che sfida Vandenabeele per la generale mentre Colnaghi, Frigo, Pietrobon, Zambanini e gli altri italiani cercano la loro consacrazione. E Cassani inizia a pensare seriamente alle Olimpiadi, tra nomi certi e altri ancora in bilico: cittì, dicci chi portiamo a Tokyo.

Il romanzo del Giro 2021

In edicola, inoltre, troverete lo Speciale Giro d’Italia: riavvolgiamo il nastro e riviviamo tutto quello che è successo sulle strade della corsa rosa, tra ordini d’arrivo, dichiarazioni e gli scatti più belli.

IN COPERTINA

Ecco come è entrato nel cuore dell’Italia

Sono molte le ragioni per le quali passa alla storia un Giro d’Italia tra i...

Ha ritrovato la sua forza ripartendo dall’istinto

Giro d'Italia. Dopo la vittoria del Tour de France (a soli 22 anni) Bernal aveva...

Una pacca sulla spalla e ha spiccato il volo…

Subito dietro a Egan Bernal c’è il nostro Damiano Caruso, che l’Italia ha tifato dall’inizio...

E adesso riavvolgiamo la pellicola della corsa

Giro d'Italia. Ecco la storia della corsa rosa vista, vissuta, analizzata e raccontata dal nostro...

Siamo tutti invitati al gran ballo dei giovani

Giro U23. Scopriamo i nuovi talenti che scalpitano per entrare nel mondo dei professionisti. Tutti...

Che bella al Giro la “voce” di Giada

Giro d'Italia. La televisione ha fatto una grossa scoperta con Giada Borgato, ex campionessa d’Italia...

Caro Cassani chi portiamo a Tokyo?

Verso le Olimpiadi. Tokyo si avvicina ma il cittì Cassani ha le idee chiare Quartetto...

Due giorni con la rosa per narrare una vita

Giro d'Italia. Quella mattina Alessandro De Marchi pedalava lentamente per godersi una felicità costruita nel...
Please enter the Page ID of the Facebook feed you'd like to display. You can do this in either the Custom Facebook Feed plugin settings or in the shortcode itself. For example,
This message is only visible to admins.
Problem displaying Facebook posts. Backup cache in use.
Click to show error
Error: Invalid OAuth access token - Cannot parse access token Type: OAuthException
.