Tutto pronto per gli Europei su pista Junior e Under 23 a Cottbus

Europei
La Nazionale Italiana gira all'interno del velodromo di Montichiari.
Tempo di lettura: 2 minuti

La stagione 2024 della pista sta ormai entrando nel vivo e l’Union Européenne de Cyclisme si appresta a vivere sei giornate di grande ciclismo con i Campionati Europei su pista Junior e Under 23 che si disputeranno al Lausitz Velodrom di Cottbus (Gemania) dal 9 al 14 luglio. Saranno assegnati in tutto 44 titoli e sono iscritti 425 atleti in rappresentanza di 29 nazioni; nel 2023, ai Campionati Europei su pista Junior e Under 23, è stata proprio l’Italia a ottenere il primo posto nel medagliere con 22 medaglie: 14 d’oro, 5 d’argento e 3 di bronzo.

Enrico Della Casa, Presidente de l’Union Européenne de Cyclisme, ha dichiarato: «Il campionato che andrà in scena nello storico velodromo di Cottbus, che già in passato ha ospitato i campionati europei, rappresenta un momento di particolare importanza per il movimento ciclistico europeo, proprio perché si tratta di un appuntamento di respiro internazionale riservato alle categorie giovanili e l’appassionato e competente pubblico tedesco avrà l’opportunità di assistere a gare di un alto livello tecnico, non dobbiamo infatti dimenticare che da sempre i campionati europei su pista Junior e Under 23 hanno rappresentato il trampolino di lancio per diversi atleti che nel corso della propria carriera hanno conquistato titoli mondiali ed olimpici. La Germania ha una lunga e gloriosa tradizione nel ciclismo su pista, sempre all’avanguardia e innovativa nel nostro sport e questo evento conferma ancora una volta l’importanza di investire nei giovani talenti per poter avere grandi campioni nel futuro ma soprattutto è la dimostrazione di come, con un evento sportivo di questa portata, si possa promuovere lo sport soprattutto tra i più giovani. Desidero esprimere la mia più profonda gratitudine al comitato organizzatore guidato da Axel Viertler con l’instancabile Detlef Uibel, agli sponsor, alla Federazione Ciclistica Tedesca che con il suo presidente Rudolf Scharping ha da subito sostenuto questo campionato con la stessa passione con cui da sempre è vicina alla nostra attività, e a tutti i volontari che hanno reso possibile questo evento. Senza il loro impegno e supporto, tutto questo non sarebbe possibile».