Tour de France, scene da stadio in Eritrea per Girmay

Girmay
La vittoria di Biniam Girmay a Torino (credit: A.S.O. / Charly Lopez).
Tempo di lettura: < 1 minuto

Per rendersi pienamente conto di quanto Bini Girmay, attuale detentore della Maglia Verde, stia scrivendo la storia, basta guardare le immagini che arrivano direttamente da Asmara, capitale della sua Eritrea: assembramenti di persone che si ritrovano in strada per festeggiare insieme il loro idolo sportivo.

Girmay ha conquistato al momento due vittorie e un secondo posto alla Grande Boucle, bottino che lo incorona miglior velocista in corsa. «Da quando ho iniziato a pedalare, non ho mai osato sognare di partecipare un giorno al Tour de France. Vincere alla mia seconda partecipazione è grandioso» dice Bini, consapevole di essere autore di una bellissima pagina di storia del ciclismo – anche oltre le ambizioni personali. «Vorrei ringraziare mia moglie, la mia famiglia e il popolo dell’Eritrea e dell’Africa. Dovrebbero essere orgogliosi, ora facciamo davvero parte delle grandi gare. Questo è il nostro momento. Questo è per tutti gli africani».

Il messaggio è arrivato forte e chiaro nel suo Paese natale, dove i festeggiamenti continuano inesausti. Scene meravigliose che ci ricordano che no, non è mai “solo uno sport”.