Giro d’Italia Women, Longo Borghini: «Punto al podio, ho provato il Blockhaus e mi ha lasciato senza fiato»

Elisa Longo Borghini

Scesa dal ritiro in altura sul San Pellegrino con la nazionale e prima di raggiungere Brescia per la partenza del Giro d'Italia Women, Elisa Longo Borghini si è fermata un paio di giorni nella casa di Ornavasso in cui è cresciuta, con la vista che spazia tra i monti e la vallata e le pareti tappezzate dai trofei di mamma Guidina Dal Sasso, campionessa di sci nordico degli anni 80. Sono bastate poche ore…
«Cerco sempre di ritornare al mio paese - racconta - per rivedere Jacopo (Mosca, il marito di Elisa che corre nella Lidl-Trek, ndr) e la mia famiglia. Per me è vitale, mi danno serenità, è come ricaricare ogni volta le batterie». Dietro la grande stagione della piemontese non ci sono solo allenamenti e sacrifici, ma anche la consapevolezza di un'atleta che a 32 anni è nella piena maturità. Dalla vittoria del Fiandre all'ultima conquistata al campionato italiano, Elisa ha infilato piazzamenti pesanti: il secondo posto della Liegi, il terzo alla Freccia, i podi alla Vuelta e allo Svizzera. L'ultimo ritiro è servito per rifinire la forma in vista del Giro e delle Olimpiadi.

...............

Ami il ciclismo? Vuoi leggere questo articolo e tutti i contenuti esclusivi di quibicisport.it? Aderisci alle offerte EXTRA di Bicisport cliccando qui.

Se sei gia abbonato clicca qui per accedere