Tour de France, Grand Départ dall’Italia con pochi azzurri al via: ecco i possibili selezionati

Moscon
Gianni Moscon in una foto d'archivio alla Milano-Sanremo
Tempo di lettura: 2 minuti

I nodi verranno sciolti solamente dopo i campionati nazionali, ma possiamo già dare un’idea dei possibili selezionati per il Tour de France che per la prima volta nella storia partirà da Firenze per ben quattro tappe in territorio italiano. Nonostante la Grand Départ tricolore, saranno ben pochi gli azzurri al via della Boucle, probabilmente meno di dieci a seconda soprattutto delle scelte dell’Astana-Qazaqstan.

Partiamo dai “sicuri”, anche se come sappiamo di sicuro nel ciclismo non c’è davvero nulla. La Soudal-QuickStep porterà molto probabilmente Gianni Moscon che si sta facendo apprezzare da Patrick Lefevere come un gregario solido al fianco di Remco Evenepoel. Per la salita, ma in primo luogo per le tappe in pianura, il corridore trentino sarà un alleato importantissimo del talento belga.

Ci sarà anche Alberto Bettiol, caduto al Giro di Svizzera dopo aver vestito anche la maglia di leader della classifica generale. Il toscano si è ritirato per precauzione, ma non dovrebbero esserci problemi per quanto riguarda il Tour. Avrà sicuramente spazio, visto che la EF Education-EasyPost non sarà una squadra solamente orientata sulla classifica generale di Carapaz.

Quasi certa anche la presenza di Matteo Sobrero in casa Bora-hansgrohe. Il piemontese, insieme a Jai Hindley e Aleksandr Vlasov ha fatto decisamente bene al Giro del Delfinato in supporto a Primoz Roglic. Non è un caso che tutti diano il team tedesco tra i più forti dell’intera Grande Boucle.

Non è ancora chiarissimo il ruolo di Giulio Ciccone. L’abruzzese proverà a fare classifica oppure punterà alle tappe e alla maglia a pois come lo scorso anno? La Lidl-Trek, dopotutto, può schierare per la generale anche Mattias Skjelmose e Tao Geoghegan Hart. Davide Formolo sarà l’ultimo uomo, invece, di Enric Mas in salita con la speranza per lo spagnolo di chiudere almeno tra i primi cinque.

Ai quattro piuttosto sicuri si aggiungerebbero Stefano Oldani della Cofidis, Luca Mozzato dell’Arkèa-B&B Hotels e Lorenzo Rota della Intermarché-Wanty. Dubbi in casa Astana-Qazaqstan dove sono in ballo ancora Davide Ballerini, Samuele Battistella, Christian Scaroni e Simone Velasco.