Giro del Delfinato, Ciccone: «Non ho vinto ma sono soddisfatto, ero dietro Roglic»

Giulio Ciccone al Giro del Delfinato (Foto A.S.O./Billy Ceusters)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Quello che si è visto oggi al Giro del Delfinato è un ritrovato Giulio Ciccone. E adesso che il Tour de France è ormai prossimo, non si può che avere ottime speranze nel vincitore della classifica scalatori dello scorso anno alla Grande Boucle.

«Mi sentivo molto bene oggi, ma prima di tutto devo ringraziare Mads Pedersen. Mi ha chiesto come mi sentivo e poi ha fatto tutto alla perfezione. Alla fine ha vinto Roglic, ma io ho dato il massimo e posso ritenermi soddisfatto. Ho provato a seguirlo due volte e Vlasov ha mantenuto un ritmo serrato. Quindi quando è partito ero già al limite per lo sprint» ha detto l’abruzzese dopo la corsa.

Che la forma di Ciccone in questo Giro del Delfinato era smagliante si era già capito: quarto alla tappa 2 e alla tappa 3, secondo oggi. La maglia verde della classifica a punti gliel’ha sfilata solo Roglic, ora è lontana 5 punti. E nelle gambe ha, ad oggi, solo 13 giorni di corsa. Una bella prospettiva per il suo calendario che dovrebbe prevedere sia Tour che Vuelta.